Apple autorizza l'aumento di prezzo degli abbonamenti senza conferma dell'utente, ma...

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Agatone Giorgio, Andrea Giovannini, Vito Astone, Danilo Ronchi.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Mentre giravo alla ricerca di qualche notizia interessante, mi sono imbattuto nella segnalazione di Gabriele nel nostro gruppo Telegram per Saggi Utenti Donatori, che faceva riferimento ad un articolo apparso su ghacks. In realtà se ne sta parlando un po' ovunque in queste ore, perché le nuove policy di Apple per gli sviluppatori prevedono che, in alcune condizioni, questi possano incrementare i prezzi delle sottoscrizioni senza autorizzazione dell'utente.

Se volete approfondire per capire tutti i risvolti è consigliabile sempre la lettura del documento originale, ma per sintetizzare si può guardare a quello che non è consentito. Ovvero il consenso dell'utente sarà necessario se si verifica almeno una delle seguenti condizioni:

  1. la normativa dello Stato in cui vive l'utente lo vieta
  2. se l'incremento è superiore al 50% e supera i 50€ annui o 5€ per gli abbonamenti non annuali (tabella conversioni internazionale)
  3. se l'utente ha già subito un incremento di prezzo nei precedenti 12 mesi

Stando alle nuove regole, l'incremento massimo consentito senza consenso esplicito sarebbe quello di un abbonamento annuale di 100€ portato a 150€, confermando sia la percentuale che il tetto massimo. Interessante soffermarsi, però, sul primo punto. Perché se la legislazione italiana dovesse esprimersi chiaramente in merito, rendendo sempre necessario il consenso esplicito dell'utente, allora la regolamentazione dell'App Store dovrebbe semplicemente adeguarsi.

Attualmente la legislazione appare indietro su questi aspetti ma, applicando i principi del codice del consumo, si dovrebbe dedurre che anche queste modifiche contrattuali svantaggiose per il consumatore debbano essere precedute da opportuna informativa, offrendo la possibilità di disdire il servizio/contratto senza costi aggiuntivi per l'utente. E lo stesso dovrebbe valere nella quasi totalità dell'Europa. Per cui è facile che tali novità abbiano un impatto trascurabile in Italia.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.