Controllare luminosità e audio dei monitor esterni su Mac con la tastiera

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Mario Marino, Loris Sambinelli, Mattia Bonoli, Francesco Mussoni, Vincenzo Conigliaro, Giuseppe Marino.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

L'ho atteso per mesi e quando me l'hanno consegnato non ho avuto neanche il tempo di aprirlo. Per giorni il Mac Studio con M1 Ultra è rimasto nella sua scatola e solo ieri sono riuscito a fargli un primo setup di base – sulle macchine di lavoro evito il trasferimento dei dati, preferisco partire da zero. Nell'installare i vari Alfred, Dropbox, 1Password, Transmit, ecc.. mi sono reso conto che c'è una piccola utility di cui non vi ho mai parlato che è fondamentale quando si usano schermi esterni con il Mac. In questi casi, infatti, non funzionano i normali tasti per regolare la luminosità e si deve operare tramite quelli fisici del monitor, che non sono sempre facili da raggiungere. Per fortuna esiste una soluzione ed è MonitorControl.

Questo piccolo software open-source, che ha già la versione nativa per Apple Silicon, esiste da molti anni e sfrutta il protocollo standard DDC/CI per comunicare con il monitor collegato via DisplayPort, HDMI o USB-C. Inoltre, dispone di un pannello di preferenze molto ricco che consente di ottenere esattamente il risultato che si desidera.

Ad esempio si può nascondere l'OSD del monitor durante le modifiche, si possono sincronizzare i cambiamenti per più schermi, scegliere i tasti da utilizzare e via discorrendo. In più, offre la possibilità di controllare anche il volume delle casse eventualmente incluse nel monitor utilizzando la tastiera o gli slider nella menubar. Si tratta di un vero coltellino svizzero che non può mancare nel setup di chiunque usi un Mac con un monitor esterno.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram