Fujifilm al top con la nuova X-H2s, XF150-600mm F5.6-8 e XF18-120mm F4

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Andrea Pasqua, Andrea Montagna, Nicola Modugno, Marco Borsò, Riccardo Dalla Fontana, Marco Babolin.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Novità in casa Fujifilm, che nell'X Summit odierno ha svelato la tanto discussa X-H2s. Il primo modello di questa serie è stato piuttosto controverso, poiché univa alcune caratteristiche tecniche nuove per il brand con un corpo più generoso, ma aveva alcune limitazioni fastidiose, come l'uso di batterie di ridotta durata. Il suo problema più grosso è stato però un altro, ovvero il grande apprezzamento del mercato per la serie X-T e in particolare per la successiva X-T4, che ha integrato i vantaggi della X-H1 e migliorato anche diversi aspetti. La X-Hs vuole essere però un nuovo punto di riferimento sia per Fujifilm che per l'intero settore.

Si parte da un nuovo sensore BSI stacked X-Trans CMOS 5 HS da 26,1 MP, che è 4 volte più veloce del precedente nella lettura dei dati e, di conseguenza, migliorano anche il framerate del mirino e dello scatto a raffica. Queste specifiche sono supportate dal nuovo X-Processor 5 che porta anche supporto per migliori codifiche per foto/video, come ProRes 4:2:2, nuove simulazioni pellicola e l'uso della IA per messa a fuoco ed elaborazione delle immagini.

L'otturatore meccanico raggiunge i 15fps, ma con quello elettronico si arriva a 20, 30, 40fps otturatore elettronico mantenendo sempre la modalità di autofocus continuo con Live View. Grazie al nuovo processore e all'AI tracking con deep learning, è possibile rilevare e inseguire persone, animali, uccelli, auto, moto e aeroplani.

Il viewfinder è ampiamente il migliore mai realizzato da Fujifilm, con una frequenza di refresh da 120fps, ingrandimento dello 0,8x, display da 5,76 milioni di punti, lenti asferiche e correzione diottrie da -5 a +3.

La stabilizzazione sul sensore (IBIS) è stata migliorata, intervenendo sia sui movimenti rapidi che quelli più lenti e ampi, garantendo ora una compensazione di 7 stop.

Per la registrazione video Fujifilm ha puntato a creare un prodotto potente e al tempo stesso comodo da usare nel run-and-gun grazie alle impostazioni dirette e semplici, lo schermo LCD superiore e quello posteriore articolato.

Per i formati si arriva fino al 6.2K con 30p e al 4K 120p, con possibilità di registrazione interna in numerosi formati, come ProRes 4:2:2, H.265, H.264, e uscita video in RAW. Inoltre è disponibile la registrazione nel nuovo profilo F-Log2 che porta la gamma dinamica a 14 stop.

Per registrazioni di lunga durata è anche disponibile come accessorio il cooling fan, che si collega sul retro della fotocamera per dissipare il calore generato.

Davvero interessante la nuova modalità di registrazione remota, accessibile tramite il battery grip opzionale VG-XH e il nuovo File Transmitter con porta LAN e wireless veloce per scatto tether e funzione remote rec. Sarà infatti possibile controllare tramite app/browser la regia fino ad un massimo di quattro X-H2s, generando anche un video di output completo oltre che sulle fotocamere, le quali registrano sia su SD che CFexpress Type B.

La Fujifilm X-H2s sarà disponibile da luglio ad un prezzo di 2799€, mentre il vertical grip VG-XH costerà 449€ e il sistema di areazione FAN-001 199€. Sarà invece disponibile a settembre il File Transmitter FT-XH ad un prezzo di 1099€.

Se la X-H2s ha inaugurato la quinta generazione di fotocamere X-Trans puntando alla velocità, grazie al sensore stacked CMOS 5 HS, è stato annunciato anche un nuovo modello con un sensore non stacked ma dalla risoluzione più elevata, denominato X-Trans XMOS 5 HR. A quanto si dice dovrebbe avere 40MP e sarà svelata nel prossimo X-Summit di settembre.

Arriva poi il nuovo XF 150-600mm F5.6-8 R LM OIS WR, il più lungo telezoom finora prodotto per il sistema. Rende com un 225-900mm ed è compatibile con i teleconverter. L'obiettivo è tropicalizzato, realizzato con una finitura grigia all'esterno per ridurre l'accumulo di calore e pesa 1,6 Kg. Il sistema ottico è composto da 24 elementi con 4 lenti Super ED e 3 lenti ED, e sia lo zoom che il fuoco sono interni. Arriverà a luglio con un prezzo di 2249€.

Tutto nuovo anche l'obiettivo XF 18-120mm F4 LM PZ WR, pensato per essere un vero tuttofare sia per i fotografi che videomaker. La qualità degli zoom Fujinon usati per cinema e tv è stata riportata in questa lente offrendo una fluidità perfetta sia nel cambio apertura che nello zoom motorizzato, interamente controllabile anche in remoto. Questo arriverà a settembre ad un prezzo di 1039€.

In chiusura è stata annunciata anche la roadmap aggiornata con gli altri obiettivi attualmente in fase di sviluppo, per i quali non è stata dichiarata una data di arrivo:

  • XF 56mm F1.2 II
  • XF 30mm F2.8 Macro
  • XF 8mm F3.5

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram