WebKit si prepara al multitasking: potrebbe essere la volta buona per iPadOS

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Lorenzo Rossini, Riccardo Innocenti, Maurizio Bigalli, Riccardo Saettone, Andrea Armellin, Carlo Scian.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

In poche parole, il tweet di Steve Troughton-Smith condensa sia la segnalazione di una interessantissima novità che il sentimento di molti di noi riguardo iPadOS. È stata appena aggiunta a WebKit una infrastruttura per una modalità multitasking, che – dice – su iOS potrebbe apparire come un toggle per abilitare finestre ridimensionabili dall'utente.

WebKit rappresenta la base open-source di Safari, ma anche di Mail, App Store e di moltissime altre app su macOS e iOS. Sugli iPhone e iPad è utilizzato anche dai browser di terze parti, nonché da tutte le webapp, sia su computer che smartphone. Il codice a cui fa riferimento il noto sviluppatore non sembra sufficiente affinché tutto il sistema operativo possa gestire finestre mobili, ma è certamente un indizio importante. Probabilmente il primo che si ritrova direttamente nel codice che farà parte dei prossimi sistemi operativi realizzati da Apple.

Purtroppo, come Steve Troughton-Smith ci ricorda, tante volte in passato ci è parso di essere prossimi all'arrivo di novità simili su iPadOS, salvo poi rimanere delusi. Per questo motivo suggerisce a sé stesso, e di conseguenza a noi, di tenere a bada l'entusiasmo. Almeno fino alla prossima WWDC e al suo keynote di apertura che si terrà il 6 giugno 2022.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.