Microsoft presenta Surface Pro 9, Surface Laptop 5 e Surface Studio 2+

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Enrico Berlingieri, Giacomo Fortunati.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Oggi Microsoft annuncia un aggiornamento della sua linea di computer, iniziando dal Surface Pro 9. L'ormai iconico tablet 2-in-1 vede l'aggiunta di nuovi colori (Zaffiro e Foresta) sia per il case che per la tastiera, nonché il passaggio ai nuovi chip Intel Core di 12a gen con prestazioni superiori del 50%. I processori sono Intel Core i5-1235U e i7-1255U, mentre la grafica è Intel Iris Xe.

Lo schermo da 13" PixelSense Flow è coperto da Gorilla Glass 5, ha una risoluzione di 2880 x 1930 pixel con copertura sRGB e refresh rate da 120Hz. La versione Intel supporta anche il Dolby Vision. La versione ARM con Microsoft SQ 3 (Qualcomm Snapdragon) ha grafica Adreno 8CX e include la connettività 5G. La camera HD riconosce i volti e li mantiene inquadrati, offrendo la possibilità di sfocatura dello sfondo e di sguardo diretto in camera.

Il nuovo Surface Pro 9 è in preordine da ora e sarà disponibile dall'8 novembre, con prezzi a partire da 1329€ per la versione i5 con 8GB RAM e SSD 256GB. Il top di gamma con i7, 32GB e 1TB SSD arriva a ben 3029€. Salve notevolmente il prezzo della versione ARM che ora parte da 1569€ nella versione 8/128.

 


Il Surface Laptop 5 è sempre disponibile nelle varianti da 13,5" e 15", offre un'autonomia fino a 17h e ovviamente passa ai processori Intel Core di 12a gen. Anche in questo caso le prestazioni promesse superano del 50% quelle della generazione precedente, con i5-1235U disponibile solo sul 13,5" e i7-1255U di serie sul 15" (opzionale sul più piccolo). In entrambi i casi la grafica è Intel Iris Xe.

Lo schermo touchscreen PixelSense in formato 3:2 viene calibrato singolarmente e supporta sia lo spazio colore sRGB che Vivid, nonché Dolby Vision IQ. Nella versione da 13,5" la risoluzione è di 2256 x 1504, mentre nel 15" sale a 2496 x 1664 pixel, mantenendo sempre i 201 ppi. Migliora anche il comparto sonoro con l'audio spaziale Dolby Atmos 3D. Tra le porte fisiche spicca una USB-C/Thunderbolt 4 insieme ad una tradizionale USB-A, l'uscita audio 3,5mm e il Surface Connect.

La nuova camera HD frontale supporta il riconoscimento del volto con auto-inquadratura, nonché la sfocatura dello sfondo, e i microfoni "studio" dovrebbero garantire una qualità superiore. Qui le colorazioni sulla scocca di alluminio anodizzato si ampliano con argento, nero, bronzo e verde, ma in Italia sembra saranno disponibili solo le prime due (che peccato!).

Il più economico è il 13,5" con i5 e 8/256GB per 1209€, che salgono a 1499€ per avere il disco da 512GB. Poi si sale fino all'i7 con 16/512GB che costa 1979€. La versione da 15" parte già con i7 e la configurazione base da 8/256GB costa 1589€. Si sale via via con RAM e storage fino al top con i7, 32GB e 1TB SSD che costa 2799€.


Arriva anche un aggiornamento minore per il computer desktop con il Surface Studio 2+. Si mantiene il medesimo design con schermo 28" PixelSense in 3:2, ma cambia l'interno. In questo caso si sale di livello con l'i7-11370H che, pur essendo della precedente gen, spinge molto più forte. La scheda grafica è la NVIDIA RTX 3060 che raddoppia le performance, la RAM 32GB e il disco 1TB.

A completare il tutto altoparlanti stereo con Dolby Atmos, due microfoni Studio, Wi-Fi 6, Bluetooth 5.1 e fotocamera frontale Full HD con autenticazione Windows Hello. Tra le porte spiccano le 3 USB-C / Thundebolt 4 che consentono ampia espandibilità. Qui il prezzo è uno solo ed è alto: 5389€.


Tra le varie novità introdotte da Windows 11 in novembre (o già da oggi per gli insider) l'integrazione con iCloud Foto, che consentirà agli utenti Apple di gestire con maggiore comodità la libreria di immagini dell'iPhone anche dal PC.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione.