Anche Google Chrome supporta PassKey: il superamento delle password si avvicina?

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Luca Biasiolli, Franco Crocetta.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Il team di Chrome ha recentemente annunciato l'aggiunta del supporto per PassKey, un nuovo standard di sicurezza per l'autenticazione online, all'interno del browser web di Google. PassKey è stato sviluppato dal FIDO Alliance, un consorzio di aziende tecnologiche che lavorano insieme per migliorare la sicurezza online.

L'obiettivo di PassKey è quello di sostituire le vecchie e vulnerabili password con un metodo di autenticazione più sicuro e conveniente. Invece di utilizzare una password, gli utenti possono utilizzare un dispositivo fisico come una chiavetta USB o uno smartphone per autenticarsi sui siti web che supportano PassKey. Questo rende l'autenticazione online più sicura perché i criminali informatici non possono rubare la password dell'utente.

Inoltre, PassKey offre agli utenti maggiore comodità rispetto alle password perché non è necessario ricordarle o affidarsi ad altri strumenti per farlo, dato che anche questi possono subire attacchi. Basta inserire la chiavetta USB o sbloccare lo smartphone, anche con strumenti biometrici, per accedere a tutti i siti web che supportano PassKey in modo semplice e veloce. Questa novità rappresenta un importante passo avanti per la sicurezza online, per proteggere gli utenti da attacchi informatici e frodi.

Chrome si aggiunge a Safari nella lista di browser web che supportano già PassKey ed altri dovrebbero seguire presto, come Mozilla Firefox e Microsoft Edge. Per quanto riguarda i siti web e servizi online, molti hanno già dichiarato la loro volontà di supportare il nuovo standard e speriamo che tanti altri lo facciano in futuro.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.