Apple al lavoro per migliorare Siri: cosa dobbiamo attenderci?

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Luigi Nardi, Paolo Palumbo, Danilo Ronchi, Massimiliano Zullo.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Siri è stato tri i primi assistenti vocali ad arrivare sul mercato, ma è stato rapidamente superato da Alexa e Google Assistant. In un’era in cui esistono LLM (Large Language Model) avanzate come ChatGPT di OpenAI, la sua condizione di sviluppo appare fortemente arretrata e sembra ormai evidente che in Apple ne abbiano sottostimato l’importanza. Probabilmente uno degli errori più grossi dell’amministrazione Cook.

Uno dei problemi più evidenti è il suo metodo di aggiornamento, che sembra seguire i rilasci statici dei sistemi operativi invece che operare in remoto, costantemente, dietro le quinte. Siamo infatti abituati a qualche piccolo upgrade solo con l’arrivo di nuovi prodotti o durante la WWDC, con un ritmo che non è più adatto all’evoluzione di questi sistemi.

Nelle ultime ore 9to5mac ha tuttavia notato delle novità interessanti all’interno delle recenti beta dei prossimi sistemi operativi, iniziando da tvOS. Si fa riferimento ad un nuovo framework denominato “Siri Natural Language Generation”, che farebbe sperare nella capacità di creare interazioni più organiche e non preconfezionate in forma di template sulla base di algoritmi che analizzano l’input vocale ricevuto, previa trasformazione in testo.

Non è possibile conoscere con esattezza il modo in cui tutto ciò funzionerà, né avere delle tempistiche riguardo la distribuzione del “nuovo Siri”. Anzi, Mark Gurman sostiene che Apple non stia attualmente lavorando su una LLM stile ChatGPT, ma il fatto che stiano provando a migliorare l’assistente è palese, nonché necessario. Se dovesse arrivare una qualche novità la data in cui attenderla sarebbe sempre quella della WWDC 2023 di metà anno.

Alcuni link presenti nell'articolo possono presentare codici di affiliazione con i partner sponsorizzati.
Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.