Sony ZV-E1: cosa cambia rispetto A7S III, FX3 e le altre fotocamere della famiglia ZV

Ieri è stata annunciata la Sony ZV-E1: il quarto modello della famiglia ZV, il secondo con obiettivo intercambiabile (l’altro è ZV-E10) e il primo con sensore full-frame. Continuando a dare i numeri, si tratta anche del terzo corpo che condivide il sensore da 12MP di A7S III e FX3. La prima si può considerare un modello ibrido, dato che mantiene il form factor delle fotocamere Alpha 7, la seconda appartiene alla famiglia Cinema Line (FX), mentre la nuova ZV-E1 nasce specificatamente per i vlogger. Ma le assonanze in casa Sony non finiscono qui, perché il corpo ricorda molto quello della A7c e la messa a fuoco è ereditata dall’ultima Sony A7R V. Insomma, abbiamo di fronte un mix di forme, specifiche e funzioni, che cercherò di rendere più chiare in questa pagina.

  • ha lo stesso sensore full-frame di A7S III e FX3
  • il corpo è simile a quello della A7c, quindi è il migliore della famiglia ZV in termini di ergonomia, ma sempre nettamente inferiore ad A7S III e FX3
  • non c’è il mirino, cosa che ricorda la FX3 a differenza della A7S III
  • ha un solo slot di memoria SD come le altre ZV, quindi niente CFExpress A e neanche registrazione in backup
  • usa batterie FZ100 a differenza delle altre ZV e come A7S III e FX3
  • ha la slitta multi interface per l’audio digitale, caratteristica condivisa sia da A7S III che FX3 e le altre ZV
  • ha un microfono dinamico in una griglia superiore, simile alle altre ZV ma migliorato con la nuova modalità di focus direzionale (davanti o dietro la camera), sull’ambiente o completamente automatico
  • ha l’uscita video micro HDMI, inferiore per robustezza alla HDMI tipo A presente su A7S III e FX3
  • registra video 4K senza crop e senza limiti di tempo (se non quelli del surriscaldamento) con tutte le modalità disponibili su A7S III e FX3 quando si usano su SD e non CFExpress (manca solo il 4K 120fps che arriverà con aggiornamento firmware)
  • manca il CINE EI di FX3
  • ha la tally light che manca alla A7S III
  • non dispone di un sistema di areazione a differenza di quello attivo della FX3 e passivo di A7S III, quindi va più facilmente in surriscaldamento
  • mostra l’intera area 16:9 durante la registrazione video, spostando i parametri sulle bande nere come su FX3; in più, questi si possono toccare per una modifica al volo (in modo simile alle Canon)
  • dispone dell’AF della A7R V, attualmente il più completo in famiglia Sony e quindi superiore anche ad A7S III e FX3
  • offre la compensazione del focus breathing a differenza di A7S III e FX3
  • include la modalità Product Showcase come le altre ZV e che manca su A7S III e FX3

Oltre a questo mash-up di specifiche tecniche note, la Sony ZV-E1 dispone di alcune novità esclusive che elenco di seguito:

  • genera un video Time-Lapse direttamente in camera dopo la cattura delle fotografie
  • ha l’autoscatto per il video, in modo da avere un file che parte già nel modo corretto senza dover fare tagli
  • ha un menu accessibilità, con la possibilità di far leggere alla camera le varie voci di menu e permettere la configurazione anche a chi abbia difficoltà visive
  • include il modo cine-vlog, che imposta la camera in automatico per ottenere i migliori risultati in termini di colore e qualità del video
  • ha una nuova stabilizzazione active+ che con un ulteriore crop rispetto a quella active arriva ad un livello di fluidità quasi da gimbal
  • dispone di auto inquadratura per mantenere il volto di chi parla al centro del frame effettuando uno zoom digitale

Infine, c’è la questione prezzo. Essendo la prima full-frame della famiglia ZV è chiaramente la più costosa, ma è più economica rispetto A7S III e FX3 avendo caratteristiche inferiori. Nello specifico ha un listino di 2700€ per il solo corpo, che salgono a 3000€ insieme al 28-60mm del kit (obiettivo piuttosto scarso). La A7S III ha ancora oggi un prezzo medio di 4000€ e la FX3 arriva a 4699€, sempre solo corpo. Se la si guarda in quest’ottica è persino economica, ma è indubbio che un semplice vlogger che lavora su YouTube può ottenere già ottimi risultati con la più piccola ZV-E10 (recensione), dove per altro gli obiettivi costeranno di meno essendo APS-C.

Il problema che personalmente vedo nella ZV-E1 è più che altro il target di riferimento, nel senso che è molto ristretto. È infatti indicata per chi basi la sua attività sui video, ma che non sia a sua volta un video maker, dato che questi ultimi avranno meno interesse negli automatismi della ZV-E1 e più nelle caratteristiche avanzate di A7S III e FX3.

Puoi prenotare e acquistare i prodotti dal nostro partner RiflessiShop.com, rivenditore autorizzato di tutti i principali brand legati al mondo della fotografia e del video. Usando il codice SAGGIOSCONTO otterrai un 5% di sconto (non cumulabile con altri codici). Lo store offre assistenza specializzata pre-post vendita, restituzione entro 14gg, spedizioni gratuite da 150€ e diverse modalità di pagamento sicure e agevolate, tra cui la suddivisione in 3 rate senza pratiche e interessi di Klarna. Riflessi Shop ha una valutazione Eccezionale su TrustPilot e potete anche visitare la sede dello store a Torino, in Via Nizza 143/d.

Alcuni link presenti nell'articolo possono presentare codici di affiliazione con i partner sponsorizzati.
Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.