Chipolo presenta nuovi tracker compatibili con Google Find My Device ed Apple Find My

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Fausto Marzo, Luca Petrolo.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Durante il Google I/O tenutosi ieri, sono stati annunciati due nuovi tracker di Chipolo compatibili con la rete Find My Device di Google: il Chipolo ONE Point e il CARD Point. Questi funzionano solo con gli smartphone Android e dispongono di funzionalità Fast Pair per un abbinamento istantaneo e semplice. Grazie a questi dispositivi, uno a forma di porta chiavi e l’altro di carta di credito, ogni smartphone Android potrà aggiornare il posizionamento GPS nell’app Find My Device, esattamente come succede per AirTag su piattaforma Apple.

Allo stesso tempo, Chipolo ha già realizzato le versioni compatibili con Apple Find My, che si differenziano esteticamente per la colorazione nera invece che bianca. I prezzi italiani sono di 34€ per il portachiavi Chipolo ONE Spot e di 39€ per il CARD Spot, particolarmente interessante perché copre un vuoto dell’attuale offerta Apple che non prevede un AirTag in formato carta di credito per essere usato nei portafogli.

I prodotti sono attualmente in preordine sul sito dell’azienda e sono presenti anche dei bundle. Inoltre, acquistando il pack doppio si ottiene la spedizione gratuita oltre che un risparmio complessivo.

Alcuni link presenti nell'articolo possono presentare codici di affiliazione con i partner sponsorizzati.
Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.