Con un colpo praticamente a sorpresa, Intel ha deciso di aumentare la "potenza di fuoco" della serie Ultra Low Voltage di Sandy Bridge, la cui gamma era già stata analizzata in precedenza. Da CPU World, infatti, emergono nuovi modelli in arrivo, che portano le possibili frequenze massime dei processori Sandy Bridge candidati all'inserimento nell'11" a un massimo di 1,8 GHz rispetto agli 1,6 finora previsti.

Intel sforna nuovi processori Sandy Bridge per i MacBook Air

Ai processori già conosciuti in precedenza, ossia:

Si aggiungono altri tre modelli:

  • Core i5 2557M: 1,7 GHz (turbo 2,7 GHz)
  • Core i7 2637M: 1,7 GHz (turbo 2,8 GHz)
  • Core i7 2677M: 1,8 GHz (turbo 2,9 GHz)

Per il resto, non cambia l'architettura: 3 MB di cache L3 nei Core i5, 4 negli i7, HD Graphics 3000 integrata. Curioso il dettaglio presentato dal 2637M: pur essendo superiore al 2657M viene etichettato con un numero di modello inferiore. Ma nulla di così sorprendente, vista la confusione a cui Intel ha spesso abituato. Con un innalzamento del clock fino a 1,8 GHz, se già a parità di frequenza Sandy Bridge era nettamente superiore ai Core 2 Duo ora lo sarà ancor di più.

Riguardo ai MacBook Air da 13", non vi sono notizie riguardo a nuove versioni Low Voltage, dunque per quel modello rimangono ancora buone le ipotesi fatte nell'articolo di Aprile linkato più sopra. Anche la data di lancio di questi nuovi processori Sandy Bridge ULV rimane senza conferme, ma una ipotesi che si fa strada è quella di una possibile "anteprima esclusiva" per Apple, come è già capitato altre volte. Considerato che il refresh dei MacBook Air potrebbe arrivare tra Giugno e Luglio o, per tirarla proprio alla lunga, ad Agosto magari in concomitanza con Lion, come ipotesi è più che considerabile.

Per approfondimenti sulle attuali versioni è possibile consultare: