L'uscita del nuovo MacBook Pro con Retina Display ha portato molte lodi alla scelta di Apple, ma anche diverse critiche. Una tra quelle più predominanti è l'impossibilità di scegliere dalle Preferenze di Sistema la risoluzione massima originaria del pannello, ossia 2880x1800 (che in modalità 2x presenta lo stesso spazio su schermo della più classica 1440x900, ma con una definizione sensibilmente maggiore). Ma sarebbe davvero utile ritrovarsi il desktop di OS X a una risoluzione così alta? Un suggerimento ce lo danno alcune prove compiute su Windows 8 e Ubuntu. La prima arriva da AnandTech, e il risultato è negativo su tutti i fronti.

(Premere sull'immagine per vedere l'originale non scalata)

La prova è stata fatta in assenza dei driver nVidia adatti, dunque su Windows non è al momento applicabile la modalità 2x presente sulla specifica build di OS X Lion installata nel MacBook Pro. Il sistema Microsoft offre comunque le sue impostazioni per lo scaling dei DPI, in questo caso volutamente ignorate per il test. A 2880x1800 qualsiasi elemento grafico del desktop risulta praticamente inutilizzabile, troppo piccoli. Solo con i testi va leggermente meglio, dove la resa potrebbe ancora essere piacevole per chi non ha alcun problema di vista.

Ubuntu è però un indicatore ancor più affidabile di quanto potrebbe essere utilizzabile OS X senza scaling. La distribuzione Linux di Canonical dispone infatti dell'interfaccia grafica Unity, dotata di una barra superiore e di un equivalente del Dock, qui piazzato in maniera immutabile a sinistra. In questo caso, non avevano a disposizione un MacBook Pro per i test e la risoluzione è stata simulata, intervenendo sui DPI. Anche OMGUbuntu deve concordare con AnandTech: risulterebbe difficilmente utilizzabile e sopportabile.

Se non altro, almeno nel caso di Ubuntu il puntatore è ben visibile, contrariamente a quello di Windows che diventa davvero piccolissimo. Certo, sarebbe stata comunque affascinante la possibilità di avere l'opzione di mettere OS X a risoluzione 2880x1800, ma siamo sicuri che ne sarebbe valsa la pena? Probabilmente no.