E se... dopo aver venduto milioni di iPhone, Apple modificasse la qualità dell'alluminio utilizzato nella cornice affinché si graffi con meno facilità? Alcune indiscrezioni che partono dalla Foxconn puntano in questa direzione ma non sarebbe affatto una piacevole sorpresa per gli early adopters. Questo ipotetico nuovo iPhone 5, sottolineiamo "ipotetico", si dice che potrebbe arrivare prima della fine dell'anno ma, con la scarsa segretezza cui siamo abituati, Apple non riuscirebbe mai a far passare inosservato l'upgrade ed il rischio di una sommossa popolare, con tanto di torce e forconi, sarebbe dietro l'angolo. Anzi, proprio davanti al n°1 di Infine Loop.

Se dovessimo scommettere diremmo che nulla cambierà nell'iPhone 5. Almeno non prima del 5s, 6 o come decideranno di chiamarlo. Anche per il 4 si diceva che avrebbero silentemente modificato l'antenna e, invece, ci hanno dato solo un bumper omaggio. "Potete restituirlo se non vi piace" – dice Apple – ma, come nel caso dell'antennagate, il numero di resi rimarrà dannatamente esiguo. Che sia delicata la cornice di questo iPhone 5 è fuor di dubbio, così come complesso è realizzarla (ed alla Foxconn ne sanno qualcosa). Si graffia e si scheggia soprattutto lungo la sottile striscia levigata che ingloba il display. Phil Schiller dice che è normale, e magari avrà anche ragione, ma a noi sarebbe bastato che fosse leggermente più resistente alle abrasioni ed alle scalfiture superficiali. Di certo non chiedevamo che fosse fatto di Duranio, come lo scafo dell'Enterprise NX-01, ma neanche sentirsi essere obbligati ad utilizzare le cover. Che poi, diciamoci la verità, quasi tutti utilizzano qualche forma di protezione per il cellulare. Pellicole, sleeve, cover, sono pochi quelli che ne fanno completamente a meno.

Rivolgendo lo sguardo al passato, ci ricordiamo del primo iPhone (EDGE) e del suo retro attira graffi. I modelli 3 e 3GS avevano una cornice piuttosto delicata ed il dorso che poteva "crepare" con qualche urto. Il 4 ed il 4S avevano quel vetro con bordo a vista che facilmente si scheggiava. Il quinto modello sembra indistruttibile in quanto a struttura, ma la cornice è delicata. È anche possibile che se non fossero state consegnate migliaia di unità già rovinate (per uno scarso controllo qualità della Foxconn) oggi non ne staremmo parlando. Il dubbio che si potesse far di meglio, specie per la colorazione del modello nero, è assolutamente lecito, e per il momento ci assicuriamo che rimanga integro con l'uso di una custodia.

La Plasma Cover per iPhone 5 è tra quelle "basic" nell'offerta Puro ma era proprio quel che cercavamo. Alcuni altri modelli si fermano un po' prima del display, come accadeva classicamente con l'iPhone 4/4S, ma in questo modo non eravamo certi di mettere al sicuro proprio la parte più delicata.

puro-plasma-cover

È realizzata in plastica, morbida ma sufficientemente rigida per dormire sonni tranquilli. A seconda del colore dell'iPhone da proteggere si può scegliere il modello scuro o quello chiaro, così da non minare troppo l'estetica originale. I lembi frontali, che avvolgono fin sopra il display, causano un normale ispessimento del cellulare. Questo un po' ci dispiace ma finalmente riusciamo ad usare l'iPhone 5 senza doverci preoccupare di come lo poggiamo, dove e con quanta delicatezza. Tutto sommato la dimensione complessiva rimane più che accettabile (un po' sotto il centimetro) e tutte le aperture sono al loro posto.

puro-plasma-iphone5

Anche se non stiamo parlando di una cover con finiture da primo premio, il cavo Lightning si inserisce senza problemi, così come le cuffie. Il selettore per la vibrazione è facilmente raggiungibile ed i tasti per il volume e l'accensione si "cliccano" alla perfezione. Sul retro, infine, si nota l'ampia apertura per fotocamera ed il flash led, nonché la doppia colorazione che riprende quella originale, con le aree superiori lisce e lucide e quella centrale opaca.

puro-plasma-cover

voto 4Conclusioni / Costi
Confusi e frastornati dal Can Can in merito la delicatezza dell'iPhone 5, siamo entrati nel primo negozio di elettronica ed abbiamo scelto una cover con l'obiettivo di proteggerlo bene e non modificarne troppo l'aspetto. La scelta è ricaduta sulla Plasma Cover di Puro che, con i suoi 14,99€, era anche tra le più economiche in assoluto. Installata in un attimo e semplicemente efficace, raggiunge il suo scopo in modo esemplare, seppure senza particolare piglio creativo o innovativo. Funziona. E questo ci piace.

PRO
+ Semplice ed efficace
+ Protegge bene fin sopra il display
+ Materiale robusto
+ Ingombra quanto un bumper ma assicura anche il dorso dai graffi
+ Riprende la colorazione originale del dorso
+ Non cara

CONTRO
- Ispessisce un po'
- Copre il logo Apple