Come riporta MacRumors (via Reuters) il CEO di Intel Brian Krzanich ha spiegato in una intervista che i processori della nuova architettura Broadwell non arriveranno in tempo per il classico Back-to-school (orientativamente tra agosto e settembre), ma saranno slittati verso entro la fine dell'anno, prima delle festività. Visto che Apple ha spesso avuto le CPU di prima mano è anche possibile che si ritardi di un po' l'aggiornamento del MacBook Pro Retina per riuscire ad ottenere questi processori ed offrire un upgrade più corposo, piuttosto che un semplice speed-bump come avvenuto per i MacBook Air 2014. In alternativa rimane aperta la possibilità che queste nuove CPU arrivino per prime in quel MacBook da 12" che molti si aspettano sempre per il quarto trimestre dell'anno. La tecnologia che sostituirà Haswell nel 2015 sarà la prima con processo produttivo a 14nm e consentirà di ottenere un miglioramento delle prestazioni ed ottimizzazione dei consumi.

intel_feb14_28w_roadmap