Nelle ultime ore un mistero sta coinvolgendo la Bay Area californiana. Sulle strade circola una curiosa automobile, una Dodge Caravan nera, dotata di numerose fotocamere. Coi vari servizi cartografici a disposizione, in particolare quelli che offrono visuali particolari come Street View di Google, può capitare, anche qui in Italia, di vedere macchine così equipaggiate. Se non fosse, e qui sta la curiosità, che il mezzo è concesso in leasing ad Apple.

image

Image via Claycord.

La Dodge è stata rinvenuta circolante nella cittadina di Concord, come testimoniano il sito locale Claycord e l'emittente televisiva KPIX5 (via Macrumors). Un primo avvistamento, rimasto più sottotraccia, era già avvenuto a New York lo scorso settembre. Sulla sommità sono posti 12 sensori fotografici, di risoluzione non nota, disposti in modo da catturare immagini a 360 gradi.

Ammettendo e non escludendo sia effettivamente coinvolta, quale potrà essere lo scopo finale dell'azienda di Cupertino? Come già accennato a inizio articolo, Google e altre sfruttano già veicoli similmente dotati. Big G, come viene fatto notare sulle principali testate internazionali che hanno riportato la notizia, utilizza 15 fotocamere da 5 Megapixel ciascuna. Considerato quanto Apple tenga al miglioramento del suo tribolato servizio cartografico, nonché la perdita di funzionalità come Street View nel passaggio in proprio, è molto probabile l'operazione in corso sia legata a ciò.

E se fosse invece legata a un progetto molto più ambizioso? Come sappiamo, sempre Google studia da anni le automobili a guida autonoma, con svariati prototipi circolanti in America e non solo. L'analista Rob Enderle, interpellato da KPIX5, sembra propendere per questa ipotesi anche nel caso di Apple. A suo dire il quantitativo di fotocamere non giustificherebbe la sola creazione di visuali di strada, e pur non avendo una licenza per la circolazione di auto "driverless" potrebbe operare in collaborazione con un'altra società che invece quella licenza la detiene. Ci sembra un'ipotesi un po' troppo azzardata, ma considerato che Apple non è affatto nuova a cimentarsi in grandi sfide di questa portata, meglio non escludere a priori. Terremo intanto d'occhio nei prossimi mesi l'app Mappe.