Secondo quanto riportato dal Korea Times (via 9to5mac), Apple starebbe pensando di aumentare la memoria disponibile nei prossimi modelli di iPhone: piuttosto che fornire tagli di memoria maggiori di 128GB, secondo le indiscrezioni dovrebbe essere (finalmente!) abbandonata la variante da 16 GB. In questo modo, le grandezze offerte diventerebbero 32, 64 e 128GB. Questa scelta di Apple sarebbe in controtendenza rispetto a quanto fatto intendere da Phil Schiller nella recente intervista nel programma "The Talk Show" di John Gruber: infatti, il Senior VP per il Product Marketing, interpellato proprio sul perchè Apple venda ancora dispositivi da 16 GB, ha dichiarato che il cloud, oggi, è uno strumento idoneo per sopperire alla mancanza di spazio fisico, la cui disponibilità diverrà maggiore sia grazie ad alcune funzionalità presenti in iOS 9 che daranno la possibilità ridurre il peso dell'applicazioni, che grazie ai delta update delle release dell'OS mobile che saranno specifiche per ogni dispositivo.

flash-memory-apple-16gb-gb

Il report, in aggiunta, riferisce che Apple è in trattativa con Samsung per la fornitura delle memorie per i prossimi dispositivi. Attualmente i componenti per lo storage degli iPhone vengono prodotti da Toshiba, SK hynix e SanDisk. La negoziazione avrebbe ad oggetto il prezzo e le tempistiche, con la casa coreana che starebbe puntando sulla durevolezza e la stabilità delle proprie memorie per chiudere l'accordo. 9to5mac fa notare come tali indiscrezioni devono essere prese con le pinze data la poca affidabilità dimostrata dalla testata coreana in passato con notizie su partnership tra Apple e Samsung.