Nextbit, la startup fondata dagli ex-dirigenti di Google Tom Moss e Mike Chan, ma anche da quelli di Apple, Amazon e HTC, torna ad essere protagonista nel mondo Android dopo il successo riscontrato lo scorso anno con Baton, un sistema semplice e rapido per la gestione e la sincronizzazione di applicazioni e dati tramite cloud. Dopo essere rimasta a lungo nell’ombra, questa interessante società torna a far parlare di sé annunciando l’arrivo del suo primo smartphone.

nexbit-ceo

Durante un'intervista rilasciata a CNET, la società ha detto di essere intenzionata a dare una svolta al mercato proponendo qualcosa di rivoluzionario. Per quanto riguarda il dispositivo ancora non sappiamo nulla di particolare poiché tutte le caratteristiche sia hardware che software sono ancora sconosciute. Quel che è certo è che sarà un prodotto di fascia alta ad un costo accessibile, un po' come da filosofia OnePlus e Xiaomi. Il prezzo, infatti, sarà compreso tra $300 e $400 e il dispositivo sarà, per dirla con le parole del direttore generale Tom Moss, “dannatamente fantastico”. In effetti, la grande promessa di Nextbit è quella di creare un device non solo già ottimo in partenza, ma anche capace di migliorare nel tempo. Tale affermazione, sottolinea CNET, è piuttosto audace dal momento che gli attuali smartphone Android sembrano diventare obsoleti già dopo poche settimane dal loro acquisto. Nextbit ritiene di poter evitare il problema grazie ad aggiornamenti software rilasciati per risolvere eventuali bug e soprattutto per implementare nuovi servizi e funzioni, con una continua e costante attenzione alla sicurezza, visti i recenti problemi mostrati dall'OS di Google. Mike Chan, Chief Technology Officer dell’azienda, ha inoltre aggiunto che questo sarà il primo smartphone a non soffrire dei limiti di archiviazione: la società, infatti, utilizzerà la tecnologia cloud per aumentare lo storage del device in modo da permettere agli utenti di avere un maggior numero di app, foto e video sempre disponibili.

Ci stiamo concentrando su un dispositivo in grado di adattarsi a voi

Nextbit

Per quanto riguarda il design, si pensa che non verrà necessariamente impiegato il metallo, ma si cercherà qualcosa di diverso in grado di attirare e stupire l’utenza. Ovviamente la società è costretta a fare molto di più che replicare funzionalità esistenti o ispirarsi alla concorrenza se vuole riuscire a ottenere una posizione di rilievo in un mercato ormai sempre più difficile e competitivo. I profitti di Samsung sono in calo, OnePlus continua ad offrire smartphone di fascia alta a prezzi competitivi e una serie di aziende cinesi come Huawei, Xiaomi e ZTE stanno riscuotendo notevoli guadagni e sempre più consensi. Nextbit dovrà necessariamente lanciare un prodotto “nuovo” sotto tutti i punti di vista, che sia in grado di offrire un'esperienza d’uso diversa da quella a cui gli utenti sono abituati. L'azienda, comunque, come dimostrano le parole di Moss, è molto fiduciosa:

Stiamo facendo qualcosa di diverso.

Il misterioso smartphone targato Nextbit sarà presentato ufficialmente il primo di settembre, quindi non ci resta che attendere e vedere se le promesse saranno mantenute.