In questa settimana molto incentrata sul mondo iOS con la presentazione della decima versione, non si può nel frattempo perdere di vista l'antagonista con cui si scontrerà, ovvero Android N. È ancora in sviluppo attivo, benché Google abbia iniziato tre mesi prima i rilasci per gli sviluppatori e dunque si vedrà la versione definitiva arrivare sui Nexus almeno alcune settimane prima di iOS 10 sugli iDevice supportati. Oggi, nel rispetto del programma di aggiornamenti che prevede una nuova build al mese, è arrivata la quarta Developer Preview delle 5 previste.

android-n-update-google

Come l'annuncio stesso fa intendere, quest'anteprima serve soprattutto a preparare gli sviluppatori di terze parti per i passi tecnico-commerciali successivi. Il set di API 24 è stato completato, dando così l'opportunità di adeguare le applicazioni su una base ormai stabile: al di là dei bugfix, il modo in cui girerà oggi un'app ottimizzata per la DP4 di Android N sarà lo stesso anche nella release pubblica. A ulteriore testimonianza dei lavori molto avanzati, arriva anche il via libera da parte di Google per pubblicare sul Play Store software basati sulle nuove API.

Per il resto non si segnalano migliorie di rilievo; ogni intervento da parte del team Android è adesso volto a risolvere le ultime problematiche rimaste. Alcuni rallentamenti e crash sono tuttora irrisolti, come riportano le note di rilascio, e si spera che la Developer Preview 5 contribuirà a risolverle, se non tutte quantomeno gran parte. La speranza inoltre è che il mistero sul dolce nome non prosegua a lungo, che sia Nutella o tutt'altro. Nel mentre, la DP4 è disponibile sia come pacchetto OTA per chi ha già installato la precedente (al momento in cui scriviamo, però, il nostro Nexus 5X non riporta ancora aggiornamenti disponibili) sia come immagine da caricare sui dispositivi supportati, che ricordiamo essere Nexus 6, Nexus 5X, Nexus 6P, Nexus 9, Pixel C, Sony Xperia Z3 e lo smartphone General Mobile 4G, appartenente al programma Android One rivolto soprattutto ai paesi emergenti.