MacTracker, la Bibbia degli utenti Apple, si aggiorna ed approda sul Mac App Store

Di solito dopo la presentazione di nuovi computer o dispositivi Apple, segue a ruota un aggiornamento dello storico Mactracker, un database veramente completo da essere diventato la Bibbia degli utenti della mela. Ma dopo il MacBook Pro 2011 tutto taceva... Mi son chiesto in effetti se non ci fosse qualche componente non ancora chiaramente svelato a ritardare l'upgrade, ma dopo mesi era veramente impossibile.

Qualche minuto fa su twitter un utente mi ha avvisato invece della novità: Mactracker è sul Mac App Store. Rimane donationware con download gratuito (almeno lui!) e acquisisce oltre ad un database aggiornato con i MacBook Pro che mancavano, anche una grafica leggermente più chiara e curata:

Mactracker

Non solo ci fornisce un archivio piacevole da consultare per ripercorrere la storia di questi fantastici prodotti, ma contiene anche tutte le informazioni tecniche che spesso gli utenti faticano a scoprire, come il tipo di RAM, oppure la velocità del controller SATA per l'installazione di SSD.

Chiaramente avendo il vostro Mac sottomano potete sapere tutto tramite System Analyzer, ma spesso può capitare di volere informazioni su un computer che si intende acquistare o per rispondere alla richiesta di qualche amico. In tutti i casi Mactracker (gratis) è assolutamente da avere.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.