Italgas doterà i suoi dipendenti di 2.000 iPad in tutta Italia

Ci è già capitato di sentir parlare di aziende, enti pubblici e scuole che hanno scelto di utilizzare strumenti informatici moderni per migliorare la propria efficienza ma quasi sempre erano esperienze lontane dal nostro paese. Ieri sono venuto a conoscenza da una fonte anonima di una notizia in esclusiva che, se confermata, rappresenterebbe una delle primissime implementazioni sul campo di iPad in Italia su larga scala. Pare infatti che dopo un periodo di test interno, dal prossimo mese Italgas fornirà ai propri dipendenti iPad 16GB Wi-Fi + Cellular di quarta generazione sui quali verranno precaricate delle app aziendali e per la gestione della forza lavoro. Si tratta di circa 2.000 dispositivi sparsi in tutta Italia e per questo credo si possa definire come la prima realtà sul territorio, per importanza e quantità, a mettere in pratica un radicale svecchiamento dell'infrastruttura informatica.

italgas-ipad

Rimaniamo in attesa di conferme ufficiali ma la mia fonte diretta potrebbe già mostrarci alcuni screenshot delle app realizzate nei prossimi giorni. A prescindere dall'uso specifico dell'iPad e non di altri tablet, fa senz'altro piacere che anche aziende italiane di rilevanza nazionale e vicine ai cittadini inizino ad impiegare strumenti moderni per la forza lavoro e speriamo che sia solo l'inizio di un processo di ammodernamento che possa estendersi anche al settore pubblico.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.