Un upgrade silenzioso dell'hardware del Nexus 5 per risolvere l'audio basso

nexus5-fronte-2

Nella recensione del Nexus 5 abbiamo segnalato due carenze con fotocamera e resa audio. Mentre per la prima è stato rilasciato un aggiornamento software per la seconda Google ha messo mano all'hardware del dispositivo. Al momento non è chiaro se sia cambiato il chip o gli altoparlanti, ma si pensa che questi siano rimasti invariati, tuttavia c'è una differenza visibile negli ultimi terminali prodotti ed è la grandezza dei fori sulla base. Abbiamo trovato un confronto su Nexus-Lab, preso dal forum xda developers, dove si evince che la griglia posta sopra microfono ed altoparlante è ora più aperta per far passare meglio l'audio. Grazie a questo piccolo espediente Google conta di mettere una pezza su uno dei pochi problemi del Nexus 5 ma lo fa senza un minimo di considerazione per gli acquirenti della prima ora. Sarebbe opportuno promuovere un programma di sostituzione gratuita per i primi dispositivi ma al momento non ve n'è traccia. Si sa che a Mountain View non sono degli assi nella cura del cliente e c'è il serio rischio che i primi acquirenti, me compreso, rimangano con un dispositivo "non perfettamente riuscito".

new-nexus-5

Pare che ci siano anche modifiche minori sui tasti, ora leggermente più sporgenti, ma questi funzionano bene anche nella prima edizione. Bene anche per i ritocchi alla fotocamera, che effettivamente è un po' migliorata con l'aggiornamento software, ma questa versione revisionata anche sul piano hardware rappresenta davvero un dispiacere per tutti quelli che hanno già acquistato lo smartphone. Ad ogni modo va precisato che ancora non è stato eseguito un confronto per verificare l'effettivo miglioramento e che questa soluzione potrebbe anche essere un palliativo. In tutti i casi sembra ritornare in auge ancora una volta la vecchia regola che sconsiglia di acquistare qualsiasi dispositivo elettronico nella prima tornata.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram