Se acquisti o vendi un iPhone/iPad, meglio controllare il blocco di attivazione

activation-lock

Quando esce un nuovo iPhone milioni di persone nel mondo si affrettano ad acquistarlo immediatamente. In quegli stessi giorni si intensifica anche la compravendita dell'usato, sia perché chi compra il nuovo spesso vende il precedente, sia perché c'è chi preferisce risparmiare con modelli dell'anno scorso a prezzi più vantaggiosi. Grazie a trova il mio iPhone ed al blocco di attivazione, gli iPhone sono tra i telefoni più sicuri in commercio, tant'è che anche le agenzie come FBI non gradiscono l'impossibilità di accedere ai dati in essi contenuti. Questo però può essere un problema quando si sceglie di acquistare un usato, perché se il venditore non ripulisce per bene il dispositivo rischia di rimanere il blocco di attivazione. Apple ha pubblicato online un tool molto interessante, segnalato da iDownloadBlog, che consente di verificare se un iPhone (o un'iPad) sono bloccati. Quindi se state per acquistare un iDevice usato, fareste bene a chiedere il suo codice IMEI (disponibile da Impostazioni/Generali/Info) per verificare se è stato opportunamente sbloccato (così evitate anche di acquistare dispositivi rubati). La stessa pagina può essere utile anche per il venditore, perché dopo aver disabilitato trova il mio iPhone, scollegato il suo account iCloud e ripristinato il telefono, può accertarsi che l'acquirente non abbia problemi in fase di attivazione.

È bene precisare che nella sua guida per la vendita Apple chiarisce che prima di separarsi dal proprio iPhone è sufficiente fare un ripristino delle impostazioni. Tuttavia noi consigliamo di perdere qualche secondo in più e disattivare prima anche trova il mio iPhone per assicurarsi che non venga richiesto nessun codice per l'attivazione.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.