IBM crea un nuovo tipo di supporto ottico, più veloce della memoria flash

"Più SSD, meno Ghz" è il motto che ha reso "celebre" il nostro Maurizio nei blog di settore: infatti, spesso si crede che la velocità di un sistema dipenda esclusivamente dal processore ("il mio telefono Android ha ventordici processori, quindi è più potente di iPhone!1!1!") e non anche da altre componenti, quali la RAM e, per l'appunto, i dispositivi di archiviazione di massa. Spesso, installando un SSD molto performante su una macchina di qualche anno fa, la si riporta a nuova vita.

ibm-phase-change-memory-2016-05-17-01

Sembra pensarla allo stesso modo anche IBM che ha reso pubblica una sua recente scoperta che potrebbe riportare in auge i dispositivi ottici. Utilizzando la tecnologia Phase Change Memory, gli ingegneri della società sono riusciti ad incrementare il numero di informazioni memorizzabili per ogni cella. Passando da 1 a 3 bit aumenta notevolmente la capacità di archiviazione a parità di superficie, inoltre cresce la velocità di lettura, che, secondo IBM, può arrivare ad essere 50 volte maggiore rispetto una tradizionale memoria flash. Qualcosa di analogo è giù successo per gli SSD nell'ultimo decennio, passando dalle SLC alle MLC e, infine, alle TLC più usate oggi.

Secondo la società, le applicazioni della nuova tecnologia potrebbero essere tanto nel campo degli smartphone (in abbinata alle tradizionali memorie flash) quando nel campo dei computer, sia come sostituti degli SSD che della RAM.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.