Apple creerà una blacklist per limitare lo spam sui calendari iCloud

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Ugo Romanelli, Maurizio Martinetti, Riccardo Saettone, Antonio D'agostino, Luca Rosano, Marco Babolin, Michele Castelli.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Il mese scorso abbiamo parlato di un'ondata di spam che ha preso di mira i calendari degli utenti iCloud. Non si è trattata di una falla nei server Apple, ma di un modo "intelligente" che alcuni malintenzionati hanno trovato per sfruttare il suo funzionamento. Chiunque può invitare un altro utente a condividere un calendario sulla base del suo indirizzo email, lo stesso che viene usato già da tutti gli spammer che intasano la nostra casella quotidianamente.E se siamo stati proprio bravi a tenerlo nascosto, possono comunque riuscire a trovarlo per tentativi. Il problema si protrae già da un po' di tempo, proprio perché bisognava capire come agire senza limitare le funzionalità per gli utenti.

calendar-spam

In una nota inviata ad iMore, Apple si è detta dispiaciuta del problema ed ha fatto capire che i tecnici lavoreranno per creare una sorta di blacklist dei mittenti sospetti. Sembra in effetti la soluzione più logica, anche perché non dovrebbe essere difficile identificare l'attività di spam legata ad invii massivi. In tutti i casi l'azienda ricorda che si tratta di "inviti", per cui, a rigor di logica, basta non accettare le proposte di condivisione da sconosciuti.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.