Lexar è morta, Micron ha staccato la spina: il business è ora in vendita

Quando si comprano memorie per macchine fotografiche, spesso ci si trova a scegliere tra due marchi principali: Lexar e SanDisk. Non che siano gli unici o necessariamente i migliori ma senza dubbio tra i più in voga nel settore, superando per fama rivali come Samsung, Transcend, Kingston, Sony ed altri. Io uso entrambi e non nascondo una preferenza per SanDisk, che ritengo più affidabile, ma di certo non mi aspettavo di leggere su PetaPixel della fine di Lexar. Ne ha dato annuncio Micron sul suo blog, la corporation che sta dietro altri marchi famosi come Crucial o Ballistix, chiarendo che l'intero business Lexar cesserà, comprendendo non solo le Secure Digital e le Compact Flash, ma anche pendrive USB, lettori e dischi come il rinomato Portable SSD.

lexar-1000x-2

D'altro canto, però, potrebbe non essere ancora il momento di mettere la parola fine. Se è ufficiale che tutte le attività legate al marchio saranno cessate (mantenendo giusto supporto e garanzia per un po' di tempo), è anche vero che Micron si è detta aperta a valutare proposte di acquisto di una parte o dell'intero business Lexar. Se sono usciti così allo scoperto è possibile che non vi siano già degli interessati ma, certamente, c'è ancora speranza.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram