SaggeScrivanie #15: Lorenzo Chellini, un po' sviluppatore un po' collezionista

Eccoci ad un nuovo appuntamento con le vostre SaggeScrivanie, più precisamente con quella di Lorenzo Chellini. Ci sono diverse immagini che raccontano l'ambiente di lavoro principale, strutture di supporto, postazione mobile e poi, una bellissima collezione di dispositivi Apple. Vi lascio alle sue parole, ricordandovi che potete inviare le vostre a saggescrivanie@saggiamente.com

Sono un libero professionista e mi occupo di sviluppo software da 20 anni, da 7 in ambito mobile iOS/Android. Quando ho progettato il mio spazio, l’ho fatto in modo da inserirlo in un ambiente che comprendesse sia il mio lavoro che alcuni miei interessi, alcuni molto affini al lavoro altri meno.

Sulla scrivania trovano spazio, da destra verso sinistra:

  • Mac Pro (late 2013)
  • G-Technology G-Raid 2+2TB, HDD in cui stanno tutti i miei file; forse ci perdo un minimo in velocità, ma preferisco lavorare in RAID 1
  • Netgear Orbi: finalmente ho risolto tutti i problemi di connessione Wi-Fi!
  • 2 monitor YASHI 21”: design spudoratamente copiato dagli iMac
  • Sotto i monitor, i 2 speaker delle vecchie JBL Creature II e un iPad Mini 1
  • I monitor poggiano su supporti Suaoki: uno semplice e l’altro include anche un Hub USB 3.0
  • All’estrema sinistra, un iPad Mini 3 un iPad Mini 4: utilizzo vari dispositivi iOS e Android con varie versioni di sistema per testare le app che sviluppo
  • Al centro, Apple Wireless Keyboard e Magic Mouse: ancora funzionano egregiamente!

Il piano della scrivania poggia su una colonna in cui trovano spazio:

  • HD esterno 2+2TB Raid Taurus: per backup non lavorativo collegato ad un…
  • Mac mini (mid 2011) con un paio di dischi esterni d’appoggio: il media server casalingo
  • HD esterno 1.5+1.5TB Raid Taurus S: collegato al Mac Pro per i backup dei lavori
  • Il subwoofer delle JBL Creature II

A completare la postazione fissa, alla mia destra trova spazio un:

  • MacBook Air 11” (early 2015) che mi segue quasi sempre, sia per lavoro che per svago

Alla mie spalle, un po’ di storia di Apple e mia:

  • Collezione incompleta di iPod dal primo a… non mi ricordo quando ho smesso
  • Software e sistemi operativi
  • Apple eMate: un PDA con sistema operativo Newton realizzato e venduto solo in ambito scolastico in USA a cavallo tra il 1997 e il 1998
  • Apple iBook “clamshell”
  • Macintosh Classic
  • Apple iMac G4 Flat Panel 15"
  • Power Mac G4 Cube
  • Alcuni lavori fatti, film, fumetti, libri…

E in mobilità?

In una delle precedenti “puntate” di SaggeScrivanie, qualcuno aveva espresso interesse su cosa portiamo con noi quando ci spostiamo. Io preferisco viaggiare abbastanza “leggero” e avere il minimo indispensabile; in genere porto con me solo il MacBook Air, un Magic Mouse II, un disco USB 3.0 per TimeMachine, un cavo per ogni tipologia di connessione USB / miniUSB / Lightning e un router Wi-Fi 4G con operatore diverso da quello che ho sull’iPhone. Se devo stare fuori per giorni e lavorare, ci aggiungo un iPad Pro 12.9” (prima generazione) che uso come secondo monitor USB tramite l’app Duet Display

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram