Premiati gli schermi di iPhone X e iPad Pro (2017) dall'associazione di categoria SID

Se magari sul software gli ultimi mesi di Apple non sono stati proprio entusiasmanti, sull'hardware la situazione è molto più lusinghiera, con solidi indici di soddisfazione (eccetto le tastiere a farfalla...) e grosse vendite. Il 2017 ha visto in particolare un forte impegno dell'azienda di Cupertino sugli schermi, dapprima col ProMotion a 120 Hz degli iPad Pro e dunque con l'approdo agli OLED su iPhone X. Non è un caso che proprio questi due prodotti abbiano appena ricevuto rispettivamente i premi annuali per "Display" e "Display Application" dall'associazione di categoria SID, Society for Information Display.

Questo ente conta tra i suoi membri tantissime aziende, tra cui Google, Intel e per l'appunto Apple, oltre a numerose realtà direttamente coinvolte nello sviluppo di display. La mela ha già portato a casa negli scorsi anni dei premi per le sue scelte in fatto di schermi, aggiudicandosi spesso almeno una categoria tra quelle maggiori e minori. La prima generazione di iPad Pro si era distinta nel 2016 vincendo il medesimo award dell'attuale. Per l'iPhone, invece, s'interrompe un digiuno che si protraeva dal 2011, anno in cui fu l'allora nuovo Retina Display a conquistare la giuria. Riconoscimenti (di cui una parte del merito, è doveroso dirlo, va in parte ai fornitori degli schermi, come Samsung) che senza dubbio fanno ben sperare per le future versioni, ormai non più così tanto distanti nel tempo, specialmente per quel che riguarda gli iPad Pro.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.