AirPlay 2 e iTunes Movie Store in arrivo sugli smart TV di Samsung

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Antonio D'Agostino, Roberto Vigna, Maurizio Bigalli, Roberto Barison, Cosimo Talò, Andrea Magnoli, Andrea Armellin, Riccardo Saettone, Lorenzo Rossini, Donatello Mancuso, Luca Rosano.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

A novembre dello scorso anno è iniziata a circolare la voce di una nuova Apple TV compatta, destinata ad allargare la base di potenziali utenti per il futuro servizio di streaming video "made in Cupertino". Questo potrebbe arrivare entro la fine del 2019, ma nel frattempo c'è un altro limite che Apple ha deciso di superare. Tutti i contenuti attualmente venduti o noleggiati tramite l'iTunes Movie Store non possono essere visti nativamente sulle smart TV. Serve necessariamente un computer o uno smartphone, a meno che ovviamente non si scelga di acquistare il dispositivo nato per questo scopo: la Apple TV. Nell'aria non si avvertiva alcun sentore di cambiamento per questa condizione, ecco perché il comunicato stampa di Samsung arriva come un fulmine a ciel sereno.

l'app iTunes Movie Store arriverà sugli smart TV di Samsung

L'accordo riguarda i modelli Tizen in vendita nel 2019, ma la novità verrà estesa anche a quelli del 2018 tramite un aggiornamento firmware. Non si tratta dunque della semplice installazione di una nuova app, ma di una modifica più estesa che consentirà persino di portare compatibilità con il protocollo AirPlay 2.

I modelli 2018 e 2019 riceveranno AirPlay 2 tramite aggiornamento firmware

Se qualcuno aspettava una TV realizzata direttamente Apple direi che è arrivato il momento di smettere di sperare. E direi che è anche molto meglio così per tutti. Certo questa è la prima partnership del genere, ma non c'è motivo di pensare che in futuro non si raggiunga una simile intesa anche con LG. Le due case fermamente in testa nelle classifiche di vendite per i TV possiedono infatti i sistemi operativi più maturi e supportati. Più difficile è invece l'approdo sulle Android TV, dove c'è ancora troppa frammentazione e maggiore possibilità di hack. L'app iTunes Movie Store arriverà in 100 paesi, in cui speriamo ci sia anche l'Italia, mentre AirPlay 2 avrà per fortuna una diffusione superiore, con un totale di 190 nazioni che lo potranno sfruttare. Purtroppo i limiti territoriali sono sempre una rogna quando c'è Apple di mezzo, e lo abbiamo visto di recente per Apple Music su Alexa, arrivata il 17 dicembre 2018 ma solo negli US, ma i numeri qui sopra sono alti e fanno ben sperare che includano il Bel Paese.

Da diverso tempo sottolineiamo una maggiore disponibilità della dirigenza di Cupertino ad assecondare le richieste del mercato e di scelte che vanno in questa direzione ce ne sono tante. Resta sempre il discorso dei prezzi troppo elevati, ma chissà che le ripercussioni negative non influenzino anche questo aspetto nel corso del 2019. L'accordo odierno tra Apple e Samsung ha comunque un peso storico rilevante, sia perché è uno dei pochi che mostra al pubblico una partnership tra le due aziende, che di solito fanno affari più sotto traccia, sia perché Eddy Cue, uno dei pezzi grossi a Cupertino, ha voluto commentato personalmente la notizia:

We look forward to bringing the iTunes and AirPlay 2 experience to even more customers around the world through Samsung Smart TVs, so iPhone, iPad and Mac users have yet another way to enjoy all their favorite content on the biggest screen in their home.
Eddy Cue, Senior vice president of Internet Software and Services at Apple.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.