Sony presenta la A6400 con schermo ribaltabile e l'AF della A9

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Simone Pignatti, Simone Pignatti, Roberto Pinna, Maurizio Bergo, Nardi Luigi Filippo, Daniele Mora.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Dopo anni in cui i fotografi la richiedevano a gran voce, Sony ha praticamente confermato di avere in programma la realizzazione di una mirrorless APS-C high-end, ovvero una sorta di A6500 (recensione) in un corpo comodo. Strano che si siano decisi proprio ora che tutto il mercato punta insistentemente sulle Full Frame, tuttavia non possiamo che essere contenti di una maggiore attenzione all'ergonomia in casa Sony. Questa nuova fotocamera, che chiamerei ipoteticamente A7000, dovrebbe arrivare entro la fine del 2019, mentre il primo annuncio dell'anno  riguarda la Sony A6400.

Come il nome suggerisce chiaramente, si tratta di un corpo posizionato a metà tra la A6300 e la A6500, ma rispetto a quest'ultima possiede anche diversi vantaggi. Il sensore è sostanzialmente lo stesso su tutte e tre, un APS-C da 24MP di ottima qualità, ma la A6500 mantiene il ruolo di top di gamma grazie alla stabilizzazione e per il chip LSI che consente anche di avere una maggiore durata nello scatto continuo. La nuova A6400, però, ha il processore della A9 ed è nettamente la migliore in ambito AF. Oltre ai 425 punti per rilevamento di fase, le altre due avevano 169 aree di analisi per contrasto, mentre il nuovo modello sale anche qui a 425 aree. Migliora anche l'inseguimento e l'eye-tracking, sia per efficienza che per la semplicità con cui si attiva e si visualizza in tempo reale (uno dei difetti più fastidiosi sulla A6500).

Tra le altre cose positive della A6400 c'è sicuramente il menu più moderno, che già aveva subito qualche miglioria con la A6500 e che si presenta simile a quello della recente A7 III. Migliora anche l'autonomia, che supera i 400 scatti in base allo standard CIPA, e soprattutto migliora lo schermo. Finalmente Sony si è decisa a venire in contro ai propri utenti con uno schermo capace di ribaltarsi, cosa utile per i selfie ma soprattutto per i V-Log, visto che questo modello è gettonatissimo proprio tra gli YouTubers. Il meccanismo implementato consente al display di muoversi in avanti di quel tanto necessario per poterlo girare di 180° verso l'altro senza sbattere sulla sporgenza del mirino.

Un sistema ingegnoso che hanno messo in campo allo scopo di evitare la cerniera laterale, anche se onestamente io continuo a preferirla per la maggiore versatilità. Il display mantiene la stessa risoluzione rispetto alle sorelle ma possiede alcuni vantaggi, tra cui la luminosità che non scende durante una registrazione in 4K.

Ricapitolando, i principali punti che differenziano la A6400 dalle altre sono:

  • Migliore velocità AF
  • 425 punti AF a rilevamento di contrasto (oltre che di fase)
  • Real-time Eye AF avanzato
  • Nuovo Real-time Tracking per il tracking degli oggetti
  • Display LCD touch screen orientabile a 180° per selfie e riprese video
  • Nuovo profilo HLG/HDR
  • Registrazione a intervalli per filmati in time-lapse (nativa)
  • Prezzo di 1050€ solo corpo, 1150€ con il 16-50mm e 1450€ con il 18-135mm
  • Disponibilità febbraio 2019
Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.