Recensione Minix NEO S1, il primo hub USB-C con SSD integrato

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Paolo Bulgarelli, Alessandro Brandi, Massimiliano Francescutto, Maurizio Martinetti, Manuel Riguer, Gianluca Erbinucci, Roberto Manfredi.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Credo che tutti i possessori di MacBook con porte Thunderbolt abbiamo bene o male dovuto comprare adattatori. Io ne ho diversi con funzionalità uniche e specifiche (Lettore SD, Ethernet, uscita HDMI, USB-A) in modo da limitare l'occupazione alle sole cose di cui ho bisogno. Quando devo viaggiare leggero, però, porto con me un piccolo hub che contiene il minimo indispensabile, oltre ad un disco esterno. Minix ha deciso di fare un ulteriore passo verso la semplificazione, creando il primo hub che include all'interno un SSD.

Il Minix NEO S1 ha due porte USB-A 3.0, una uscita HDMI (fino al 4K@30Hz) e la porta USB-C per la ricarica. A guardarlo sembra uno dei tanti dispositivi simili poiché non è neanche più grande del solito, eppure all'interno c'è un disco M.2 SATA3. Lo vendono nel taglio da 120GB e 240GB, ma non sono riuscito ad aprire il case per vedere se fosse possibile un'eventuale sostituzione o upgrade fai-da-te. Le prestazioni sono buone, con velocità fino a 400MB/s sia in lettura che scrittura ed anche collegando periferiche USB durante le operazioni sul disco interno non si incorre in disconnessioni.

Riscalda un po', ma viaggia comunque sotto i 40° e l'alluminio esterno del case aiuta la dissipazione. Insomma, mi è davvero piaciuto perché nello stesso identico spazio in cui di solito ho solo l'hub, qui ho anche un po' di storage veloce. E tutto sommato sono interessanti anche i prezzi secondo me, visto che un buon hub lo si paga comunque 50/60€ (al netto di offerte) mentre per il NEO S1 da 120GB si spendono circa 90€ su Amazon o 75€ su Gearbest, che diventano rispettivamente 120€ oppure 87€ per quello più interessante da 240GB.

Giudizio

Voto 4,5/5 Il Minix NEO S1 presenta solo due limiti per me, ma entrambi difficilmente risolvibili: l'uscita video che non regge i 60Hz in 4K e l'assenza di un lettore SD/microSD. La prima credo sia una limitazione dovuta alla banda disponibile mentre la seconda ritengo sia più una scelta per contenere dimensione e costi. Ve lo lascio vedere più da vicino nella video recensione e vi invito ad iscrivervi al canale YouTube accertandovi di attivare la campanella delle notifiche, poiché molti vecchi iscritti sono precedenti all'inserimento di questa opzione e non vengono avvertiti della presenza di nuovi video.

PRO
+ Compatto e ben realizzato
+ Comodissimo il disco integrato
+ Dentro c'è un vero SSD, non una eMMC
+ Sembra essere molto stabile
+ Non scalda più degli altri hub

CONTRO
- Uscita video 4K @ 30Hz
- Manca lettore SD/microSD

DA CONSIDERARE
| Non sono riuscito ad aprirlo ma in teoria contiene un disco M.2 SATA (2280) sostituibile

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram