Evento Apple 10.09.2019: Ufficiale la Serie 5 di Apple Watch

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Luca Zeggio, Alberto Nonnis, Alessandro Sandrin, Davide Dari, Umberto Facchin, Mirko Contarino, Antonello Cattide, Stefano Collenghi, Alessandro Fichera, Alessio Furlan.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

I rumor erano tutti concordi: la Serie 5 di Apple Watch sarebbe stata solo un leggero refresh della precedente. Addirittura, qualcuno aveva ipotizzato che Apple non avrebbe aggiornato nemmeno il SoC, limitandosi a piccoli affinamenti di poco conto. Per fortuna, così non è stato: di certo Apple Watch Serie 5 non è un salto in avanti pari a quello dello scorso anno, ma le novità ci sono.

Non si può non parlare subito dell'Always On Retina Display, ossia un bel nome per una tecnologia già conosciuta, ma profondamente rivista in salsa Apple, che (finalmente!) si affaccia sullo smartwatch: ciò è reso possibile da un insieme di tecnologie quali il nuovo schermo LTPO (low-temperature polysilicone and oxide display, secondo Cupertino unico sul mercato), il driver a basso consumo della batteria, il rinnovato sistema per la gestione energetica e il nuovo sensore ambientale. Lo schermo, quindi, adatterà intelligentemente la propria luminosità in base all'uso o al movimento del polso, di modo da garantire la solita giornata di autonomia cui siamo abituati.

Altra gustosa novità è l'implementazione della bussola: oltre ad essere accompagnata da un'app dedicata molto simile a quella già presente in iOS, il nuovo sensore consentirà di visualizzare correttamente la propria posizione sull'app Mappe di watchOS, oltre alla direzione verso la quale si sta camminando o correndo. Come iPhone, dal quale diventa sempre più indipendente, Apple Watch Serie 5 è in grado di tracciare correttamente latitudine, longitudine, altitudine ed inclinazione dell'utente che lo sta utilizzando.

Non si può parlare di aggiornamento di Apple Watch se non v'è almeno una funzione dedicata alla sicurezza dei suoi possessori: in caso di pericolo lo smartwatch potrà chiamare qualsiasi numero di emergenza internazionale, individuato in base al luogo in cui ci si trova.

Il cambio di Serie è stato foriero anche del ritorno della linea Apple Watch Edition che ripropone la cassa in ceramica bianca e quella in titanio spazzolato, anche nella variante Nero siderale, colorazione che sostituisce il Grigio siderale su tutta la linea, tranne che per i modelli in alluminio.

Permangono, ovviamente, le casse standard, ossia quella in alluminio per Apple Watch Sport (che ora è riciclato al 100%) e quella in acciaio, disponibile anche in nero siderale. Non mancano tanti nuovi cinturini, sia disegnati da Apple che da Nike e da Hermés: di quest'ultima, mi permetto di segnalare il Simple Tour in pelle nero, veramente molto sobrio ed elegante. Chi volesse personalizzare il proprio smartwatch, scegliendo la cassa e il cinturino che più gli aggrada, potrà farlo nei nuovi angoli Apple Watch Studio che saranno predisposti solo negli Apple Store. Il SoC a 64 bit, invece, passa alla generazione successiva diventando S5 a dual core: ad ogni modo, Apple non ha specificato le migliorie che apporta.

 

Passiamo ora alla nota dolente: il prezzo. Come nella migliore tradizione Apple, l'Apple Watch in alluminio parte da 459 € per la cassa da 40mm solo GPS, mentre per la versione GPS + Cellular si passa a 559 €. L'Apple Watch in acciaio è invece disponibile solo in versione GPS + Cellular a partire da 759 €. I prezzi si alzano ulteriormente per gli Apple Watch Edition, anch'essi disponibili solo con connessione alla rete mobile: si parte da 859 € per quello in titanio e da 1.409 € per quello in ceramica. Scompare dal catalogo la Serie 4, mentre resiste la serie 3 con prezzi che partono da 239 € per la versione GPS e da 339 € per quella GPS + Cellular. I preordini sono già partiti, con disponibilità a partire dal 20 settembre. watchOS 6, invece, sarà rilasciato il giorno prima, ossia il 19 di settembre.

Ecco i link diretti:

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.