Nuovi iPad più veloci e iPad Air con design del Pro e Touch ID

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di FABIO DI REZZE, Francesco De Felice, Alessandro Sandrin, Stefano Collenghi, Alberto Nonnis, Stefano Maria Meconi, Stefano Silveri, Antonello Cattide, Davide Dari, Mirko Contarino, Umberto Facchin.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Oggi la linea iPad si rinnova per 2/4, con un nuovo modello base ed un iPad Air che fa un vero salto di qualità, dentro e fuori. L'entry-level della gamma è arrivato all'ottava generazione e guadagna un SoC ben più veloce del precedente A10, ovvero l'A12 Bionic. Grazie a quest'ultimo diventa ancora più appetibile, mantenendo tutte le altre caratteristiche che lo hanno trasformato in un best seller. Il design è quello dello scorso anno con lo schermo da Retina 10,2", così come il Touch ID sul frontale, mentre per disegno e produttività vi sono il supporto per Apple Pencil (di prima generazione) e lo Smart Connector per le tastiere.

L'iPad base ora ha il SoC A12 Bionic

Tra l'altro Logitech ha ormai a listino anche quella dotata di trackpad, dunque con iPadOS 14 diventa a tutti gli effetti un piccolo computer utilizzabile anche sulla scrivania. I colori sono Argento, Grigio Siderale e Oro, mentre i prezzi partono da 389€ per la versione da 32GB, poi 489€ per quella da 128GB. Per le versioni Wi-Fi + Cellular è richiesto un esborso aggiuntivo di 140€, arrivando ad un prezzo massimo di 629€. In dotazione un alimentatore USB-C ed un cavo da Lightning ad USB-C. La fotocamera principale è da 8MP con apertura f/2,4 e quella frontale rimane piuttosto basic con 1,2MP e video in HD 720p. Completano la dotazione gli altoparlanti stereo, il Wi-Fi ac e il Bluetooth 4.2, derivante dal chip A12 che, ricordo, equipaggiava gli iPhone XS/XR. Il nuovo iPad 8 è già disponibile al preordine e le prime consegne partiranno venerdì 18 settembre.

Nuovo design e nuovi colori per iPad Air

L'iPad Air fa un doppio salto in avanti, non solo nell'hardware ma anche nel design. È sostanzialmente un iPad Pro ma con qualche rinuncia. Abbiamo uno schermo Liquid Retina da 10,9" con bordi arrotondati e cornici uguali su tutti i lati ma non c'è il Face ID, al suo posto troviamo il Touch ID nel piccolo tasto di accensione superiore. Ha poi solo due altoparlanti stereo e non il sistema quad-speaker dei Pro ed una sola fotocamera posteriore, la stessa del modello Pro con 12MP apertura f/1,8. Frontalmente fotocamera da 7MP con video HD 1080p.

Lo schermo supporta True Tone e la gamma cromatica estesa P3 ma non si fa riferimento al ProMotion, quindi la frequenza di refresh non sarà al pari del modello superiore. Il Wi-Fi è l'ultimo ax e il Bluetooth 5.0, tutto grazie al nuovo SoC A14, che fa il suo ingresso in gamma per la prima volta proprio su questo modello. È presumibile che poi andrà ad equipaggiare i futuri iPhone 12, la cui presentazione è attesa ad ottobre. A14 è molto più veloce del precedente A12 ed è il primo a 5nm, però sul fronte grafico non ha la potenza specifica delle serie X o Z presenti su iPad Pro, infatti ha solo 4 core sul fronte GPU.

Comunque l'aggiornamento è molto importante e porta con sé anche il supporto per la Magic Keyboard con Trackpad e la Apple Pencil di seconda generazione con aggancio e ricarica magnetici. In dotazione un alimentatore USB-C da 20W e il cavo USB-C. Ci sono poi anche nuovi colori, con Verde e Celeste che si aggiungono ai tradizionali Argento, Grigio Siderale ed oro. Il prezzo parte da 669€ per il Wi-Fi da 64GB e si passa a 839€ per 256GB. Lee versioni Cellular costano sempre di 140€ in più, quindi per il top si arriva a pagare 979€. L'iPad Air arriverà un po' più tardi rispetto all'iPad base ma ancora non è stato indicato un giorno preciso quanto un generico: ottobre.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram