Recensione TwelveSouth HiRise Pro: scrivania organizzata con iMac

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Riccardo Innocenti, Simone Salucci, Riccardo Saettone, Luca Rosano, Donatello Mancuso, Roberto Barison, Alessandro Rodolico, Lorenzo Salomone, Antonio D'Agostino, Ivan Vannicelli, Pierpaolo Milan.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Ho cambiato tutto. Nelle ultime 24h ho smontato ogni singolo elemento della scrivania e rimesso tutto insieme avendo come fulcro il nuovo iMac 27" 2020. L'ho preso a noleggio tramite l'Apple Premium Reseller C&C, poiché con l'arrivo di Apple Silicon non mi sembrava un buon momento per investire cifre importanti sui Mac con Intel. Per un modello base la questione sarebbe stata differente, mentre per uno carrozzato come il mio (i9 e 5700XT) rischiavo di perdere troppo valore di qui a due anni. Comunque questa non è la recensione dell'iMac, bensì del supporto HiRise Pro di TwelveSouth.

L'ho preso perché avevo voglia di ritornare ad un setup più semplice, eliminando anche il secondo schermo. Ma è una prova: non sono sicuro di riuscire a resistere con un unico pannello da 27". Nel frattempo, però, sono riuscito a fare ordine sulla scrivania e ad ottimizzare gli spazi. Per quest'ultima necessità mi è stato molto d'aiuto l'HiRise Pro, in quanto ho potuto mettere all'interno due dock Thunderbolt 3, un lettore di SD/XQD ed uno di CFast 2.0. Sul retro ho anche piazzato il Backpack, sempre di TwelveSouth, con 4 dischi da 2,5" uno sull'altro. Non funzionano tutti insieme, poiché 2 sono di backup, dunque li ho alternati in modo da contenere il calore.

L'HiRise Pro è composto da 5 pezzi di metallo in colorazione grigio siderale, i quali si incastrano perfettamente ottenendo una struttura solida e di bell'aspetto. Ci sono due elementi primari, la base e il top, poi un separatore centrale e due coperture, una frontale ed una posteriore. Quella frontale si attacca magneticamente ed ha due lati, uno con una finitura simil-legno e l'altro in tinta con il grigio siderale. Il separatore si può inserire su 4 livelli differenti, cosa che determina anche l'altezza dello schermo. Con l'iMac non si può usare quello più basso perché urterebbe la base del display, ma non bisogna dimenticare che questo supporto si può usare con qualsiasi monitor la cui base entra nello spazio interno di 23 x 23cm.

Sul retro ci sono due aperture, una superiore per fare uscire il piede ed una posteriore per eventuali cavi. Devo dire che funziona molto bene e l'altezza che ho ottenuto mettendo il separatore sul terzo livello mi sembra valida. Inizialmente pensavo fosse alta ma, dopo alcune ore, ho notato che mi fa mantenere la schiena dritta, che era cioè che volevo. Il lato negativo? Beh, sicuramente il prezzo: ben 210€ su Amazon. Certo è fatto bene e lo consiglio in assenza di alternative, peccato così troppo.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram