Apple A14: su iPad Air 2020 il dato in single-core più potente del mondo?

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Ivan Dama, Marzio De Cristofaro, Maurizio Guerra, Mauro Vanzelli, Paola Bellini, Enrico Carangi.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Non mi piacciono i titoli ad effetto e neanche quelli con il punto interrogativo, ma in questo caso ci sono entrambi e vi spiego subito perché. Il dubbio è dovuto al fatto che finora ho trovato una singola fonte online, precisamente nel database di Geekbench (su segnalazione di @L0vetodream), mentre il fatto che sia così d'effetto non dipende da me ma dagli ingegneri di Cupertino.

Come sapete ad ottobre si apriranno le vendite dei nuovi iPad Air 4, forse proprio nella prossima settimana (io credo venerdì 9). Questo tablet sarà il primo dispositivo Apple a sfoggiare il nuovo SoC A14, che l'azienda ci ha presentato con alcune informazioni generiche del tipo: iPad Air 4 avrà un processore il 40% più veloce del precedente modello. Facendo due semplici conti (e neanche tanto visto che la prima volta li avevo sbagliati...) alcune settimane fa vi ho mostrato questo grafico:

Ho utilizzato come base il punteggio in multi-core di Geekbench 5, che mostrava un ottimo potenziale per l'A14 con i suoi soli 2 core ad alte prestazioni uniti ai 4 ad alta efficienza. Ovviamente rimane inferiore rispetto ad A12X e A12Z presenti su iPad Pro 2018 e 2020, dato che lì ci sono il doppio di core ad alte prestazioni. Su questo mi sono basato quando, nell'elencare i 10+1 vantaggi dell'iPad Pro rispetto al nuovo Air, ho detto che i Pro rimarranno più veloci; su questo e anche sul fatto che per la componente GPU il Pro mantiene il doppio dei core (8 contro 4).

Il primo (presunto) risultato dell'A14 apparso oggi sul Geekbench Browser riporta un dato in multi-core di 4198 contro i 4012 che avevo ipotizzato. Quindi superiore di un 4,5% che non è del tutto trascurabile ma che non sposta l'equilibrio generale di una virgola in termini di comparazione rispetto agli altri. La cosa più interessante, però, è il dato in single-core di 1583. Se questo fosse veritiero, e onestamente non c'è ragione di credere il contrario, posizionerebbe il processore dell'A14 in cima alle classifiche di tutti i processori esistenti.

Su A14 il miglior punteggio in single-core mai registrato

Nessuno ha dubbi sul fatto che a Cupertino sappiano sfornare i migliori SoC del mercato, ma questo ennesimo salto nel dato in single-core li porta davvero molto in alto. Certo iPad Air rimarrà inferiore al Pro nel complesso, e non c'è nulla da riconsiderare relativamente a questi prodotti, ma è interessante il possibile impatto sui chip Apple Silicon.

Con questa capacità sul singolo core e la possibilità di aggiungerne di più con maggior spazio a disposizione e potenzialmente anche areazione, i chip che si potranno realizzare per i prossimi Mac avranno modo di superare le più rosee aspettative. Le prestazioni con un singolo core non possono essere valutate aritmeticamente per giungere al risultato in multi-core, perché entrano in gioco frequenze, temperature e voltaggio a ridurle. Tuttavia si parte da numeri già più elevati dei più elevati processori x86 e il tutto con una frequenza nettamente inferiore ai top del mercato (2,9GHz) e senza dissipazione attiva.

Insomma sembra che, facendo le scelte giuste, Apple avrà modo di sbaragliare la concorrenza con Apple Silicon e noi non vediamo l'ora che succeda. Sono passati tanti anni da quando i Mac superavano i PC sul fronte prestazioni ma sembra proprio che un'epoca simile sia di nuovo alle porte.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram