iPad di 9a generazione in arrivo e sarà l'ennesimo best-buy

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Mauro Vanzelli, Massimo Tofanelli, Maurizio Guerra, Matteo Quadri, Paola Bellini, Walter Di Matteo.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Apple ha un modo tutto suo per gestire la propria lineup. Alcune volte i prodotti vecchi rimangono in vendita come modelli base prima di uscire di scena ma, nella maggior parte dei casi, i nuovi sostituiscono i precedenti dall'oggi al domani. Online e nei negozi si possono ancora trovare, ma l'azienda li rimuove dal proprio sito e al massimo ne destina alcune unità ai mercati minori o alle forniture aziendali. E quando un aggiornamento è in dirittura di arrivo, spesso inizia a posticipare le spedizioni di quello attuale, sia perché ne interrompe la produzione sia perché così indirizza le vendite che si trovano a cavallo della transizione su quello successivo.Ne consegue che la disponibilità dei prodotti può essere un elemento indicativo di un loro prossimo aggiornamento. Non è sempre così, possono essere dei semplici ritardi dovuti a fattori esterni, ma quando la tempistica è quella corretta in cui aspettarsi un nuovo modello è facile fare 2+2.

Questo è probabilmente il caso dell'iPad di 8a gen che da alcune ore vede un netto ritardo nelle spedizioni. Il modello base del tablet, che è anche il più venduto e quindi prodotto in grandi numeri, oggi viene proposto con consegna tra il 30 settembre ed il 7 ottobre.

Era stato presentato esattamente un anno fa, a settembre del 2020, un anno dopo quello di 7a gen, annunciato a sua volta nel settembre 2019. Andando più indietro nel tempo la cadenza è stata differente, in particolare 5a e 6a gen sono arrivate a marzo, come anche la 2a e la 3a, ma l'allargamento della lineup ha portato anche ad una differente collocazione dei prodotti nell'arco dell'anno. È un sistema fluido ma con alcuni punti fermi che vengono spostati solo in base a variazioni del mercato o della linea. Attualmente è più che lecito attendersi il nuovo modello proprio a settembre, nell'evento che è stato annunciato ieri.

Giusto per curiosità, vi riporto le date di uscita di tutte le versioni:

  • iPad, gennaio 2010
  • iPad 2, marzo 2011
  • iPad 3a gen, marzo 2012
  • iPad 4a gen, ottobre 2012
  • iPad 5a gen, marzo 2017
  • iPad 6a gen, marzo 2018
  • iPad 7a gen, settembre 2019
  • iPad 8a gen, settembre 2020

Attualmente non si rilevano alterazioni rilevanti nelle date di consegna degli altri iPad, compreso il modello mini di cui si vocifera un possibile aggiornamento in arrivo. Tuttavia quest'ultimo ha sempre avuto un ciclo di rinnovo incostante e l'ultimo upgrade risale a marzo 2019. I modelli Pro hanno uno spot separato e sono ancora freschissimi, dunque nulla di nuovo su quel fronte, mentre l'Air è stato aggiornato ad ottobre del 2020 ma non è il tipico prodotto da cadenza annuale ed è più probabile che arrivi una nuova versione nel primo trimestre del 2022. Insomma, a parte il possibile arrivo di un modello mini rinnovato più avanti nell'anno, sembra che l'iPad base sarà il prossimo ad essere rinnovato, proprio nell'evento del 14 settembre.

La struttura con schermo da 10,5" era del Pro, poi dell'Air, a breve sul modello base

Come da tradizione, Apple sfrutterà le tecnologie dei precedenti top di gamma per creare il nuovo modello base. Dunque è facile che sull'iPad di 9a gen arrivi lo chassis che aveva l'iPad Air 2019, prima di cambiare formato, e che era a sua volta ereditato dal vecchio iPad Pro 2017. In sostanza schermo più grande da 10,5", case più sottile e leggero. Insieme a queste migliorie anche un SoC più recente, forse l'A13, e magari più RAM. Considerando il prezzo medio di questo modello, si confermerà quasi sicuramente un best buy nel settore tablet. Speriamo che si decidano a far partire lo storage del base da 64GB, ma non sono così sicuro che ci riescano a $329 più tasse (389€ in Italia).

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.