Apple si prepara ad inondare il mercato con chip a 3nm

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Fabio Di Rezze, Andrea Magnoli.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Che i prossimi chip realizzati da Apple saranno prodotti con tecnologia a 3nm è cosa nota. Il primo a fornire questo tipo di litografia sarà TSMC ed interesserà sia l’A17 dei prossimi iPhone 15 Pro che la terza generazione di Apple Silicon. Gli M3 equipaggeranno i futuri Mac a partire dalla base ed a salire con le versioni Pro, Max e Ultra.

Tutti i nuovi chip Apple saranno a 3nm

Di quest’ultimo non si è vista l’implementazione con M2 sui Mac Studio, ma il salto tecnologico fornito dai 3nm sarà molto più appetibile. Si prevede infatti un incremento del 35% dell’efficienza termica a fronte di prestazioni migliorate del 15% a parità di tecnologia, ma potrebbero salire ulteriormente con l’aumento di core e frequenze operative.

Una cosa piuttosto interessante emersa nelle ultime ore è che, secondo Digitimes, Apple avrebbe già prenotato a TSMC ben il 90% della sua capacità produttiva a 3nm, la quale avrà un’impennata nel secondo trimestre del 2023 grazie all’arrivo di nuovi Mac, iPhone e iPad. Oltre al canonico arrivo degli iPhone 15 verso settembre, avremo certamente MacBook Air basati su M3 e forse anche iMac e Mac Studio (attualmente fermi ad M1).

Poco più avanti, direi a cavallo tra il primo e il secondo trimestre del 2024, dovrebbero arrivare anche il Mac mini M3 ed M3 Pro. Più difficile è il posizionamento dei futuri iPad Pro, anche se i precedenti sono usciti ad ottobre 2022 e potrebbero dunque essere aggiornati anche insieme o poco dopo gli iPhone nell’ultimo trimestre di quest’anno. Il vero punto interrogativo continua ad essere il Mac Pro: ci sono svariate indiscrezioni sulle possibili tecnologie in uso, ma non una data presunta sul suo arrivo.

Alcuni link presenti nell'articolo possono presentare codici di affiliazione con i partner sponsorizzati.
Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.