Facebook alza il tiro contro Apple. Solo qualche giorno fa parlavamo dell'eventualità di buttarsi con maggior ardore nel business dei social network da parte dell'azienda di Cupertino, incalzata da Zuckerberg che inizia a offrire servizi potenzialmente pericolosi, come quelli di streaming di musica e film. Il nuovo livello della sfida che è ancora alle sue fasi iniziali è rappresentato da Project Spartan, di cui ci parla TechCrunch: basilarmente, si tratta dell'app store alla maniera di Facebook.

Un app store che sarà integrato nell'applicazione ufficiale di Facebook, per rendere l'esperienza di acquisto in vero stile social come da "tradizione" dei servizi firmati Mark Zuckerberg. C'è però una importantissima differenza con l'app store di Apple, ancor di più dell'aspetto social: è tutto in HTML5, il che rende Project Spartan assolutamente indipendente dalla piattaforma in esecuzione. iOS, Android, Windows Phone 7... Tutte le app disponibili su Project Spartan non avranno problemi a essere eseguite su qualsiasi sistema operativo mobile. Ciò sicuramente non farà troppo piacere a Cupertino, dato che Project Spartan rappresenta una chiara occasione per gli sviluppatori per sfuggire alle regole di Apple, godendo potenzialmente di migliori condizioni e minori restrizioni. Questo aspetto, comunque, rimane ancora da valutare per bene.

Project Spartan dovrebbe arrivare la prossima settimana con un evento dedicato, un po' come già fatto per Timeline e porterà con sé la tanto attesa versione per iPad della app ufficiale di Facebook, la quale ormai si sa essere pronta già da svariate settimane. Una settimana molto ricca, dunque, ci aspetta. Vedremo in che modo Project Spartan potrà avere un impatto su Apple e sul suo modello di app store.