La base di lettori di SaggiaMente che utilizza Windows Phone sta crescendo, e gli articoli dedicati pure. Torniamo spesso sull'argomento, senza disdegnare le recensioni: il Lumia 520 ha aperto la serie e verrà presto seguito dal fratellone 1520. Speriamo ovviamente di allungare questa lista per ora abbozzata. Il sistema operativo procede bene, con tre aggiornamenti minori ma comunque importanti sulle spalle e un numero crescente di applicazioni, coinvolgendo finalmente uno dei pezzi più importanti come Instagram. Difficilmente, però, si potrà essere preparati a sufficienza per quella che si prospetta come una vera e propria tempesta col prossimo grande aggiornamento, Windows Phone 8.1.

logowindowsphone

Nelle scorse ore Microsoft ha consegnato una versione preliminare del Software Development Kit ad alcuni sviluppatori selezionati. Il pacchetto, come gli SDK precedenti, è dotato di un'immagine del sistema operativo da usare tramite emulatore, principalmente per testare le applicazioni compilate. Su Reddit non hanno però perso tempo a farne un uso diverso, scoprendo tutte o quasi le nuove funzionalità che attendono la piattaforma mobile di Redmond.

A livello di interfaccia, non ci si devono aspettare grandi stravolgimenti. Squadra che vince non si cambia, al più si migliora. Più colorazioni disponibili per personalizzare la schermata Start e ulteriori opzioni di dimensionamento per le tiles, tramite le quali è possibile avere sempre sottomano applicazioni preferite, contatti, risorse specifiche e altro ancora, con informazioni aggiornate in tempo reale. Windows Phone 8.1 consentirà, a discrezione del produttore del dispositivo, di disfarsi dei tre pulsanti hardware Indietro/Start/Ricerca per sostituirli coi corrispondenti software, similmente a quanto accade su Android. Diversamente dal robottino verde, però, non rimarranno perennemente visualizzati, ma saranno richiamabili solo all'occorrenza, lasciando così più spazio all'app in esecuzione. Uno swipe verso l'alto per averli, uno verso il basso per toglierli. Un nuovo Action Center darà accesso rapido ad alcune impostazioni di base, come quelle relative a Wi-Fi, Bluetooth e scambio dati. Variazioni pure per il multitasking, che aggiunge al pulsante X inserito col recente Update 3 anche la possibilità di chiudere le app spostandole verso il basso, in maniera simile allo switcher di iOS 7 che invece prevede lo spostamento verso l'alto.

wp81leak-multitasking

Sempre parlando di multitasking, il tasto Indietro che prima serviva a chiudere le apps ora si limita a sospenderle, come avviene nell'ambiente Modern/Metro di Windows 8.1. Ma non è l'unico punto di incontro tra i due sistemi: anche Windows Phone sta per adottare il formato "appx", che insieme al supporto HTML5/Javascript e all'aumento di API comuni consentirà di creare software in grado di girare su qualsiasi dispositivo senza doverlo ricompilare ad-hoc, avvicinando così anche l'unificazione dei due Store sinora con vita propria. Le applicazioni potranno essere aggiornate in automatico e, come su Android, installate su scheda SD se lo sviluppatore avrà previsto questa opzione.

Torniamo ora alle funzionalità più visibili. Nuove apps preinstallate si affiancheranno a quelle già presenti, tra cui quelle di Bing già disponibili per Windows Phone 8 sullo Store e il recentemente rilasciato duo Xbox Music/Video, sostituendo il corrente centro multimediale unico; anche i podcast troveranno una nuova sede tutta dedicata. OneDrive prenderà come previsto il posto di SkyDrive, mentre tra le utility pure avremo Battery Power Sense, "parente" dedicata ai consumi energetici di Data Sense, pensata invece per il monitoraggio del traffico dati. Più col condizionale è la possibile aggiunta futura di un gestore di file, in virtù dei miglioramenti fatti col selettore integrato usato per apertura e salvataggio da parte delle applicazioni.

wp81leak-preinstalledapps

Nelle aziende sarà apprezzato il supporto alle VPN, che dovrebbe far parte di un più ampio pacchetto dedicato a migliorare l'uso di Windows Phone in contesti lavorativi. Presente, un po' a sorpresa, tra i servizi supportati a livello di sistema anche iCloud; lecito però pensare che l'integrazione possa perlopiù limitarsi a posta, calendario e contatti. Altra gradita opzione è la scelta dell'applicazione predefinita per la gestione della messaggistica, che richiama alla medesima possibilità offerta in Android KitKat. Ciò sembra suggerire inoltre che non avverrà lo stesso avvicendamento visto in Windows 8.1, dove Skype ha rimpiazzato Messaggi.

wp81leak-messagingappchoice

Internet Explorer 11 si appresta al suo sbarco su mobile, seppur con alcuni mesi di ritardo. Similmente alla versione desktop, avrà il supporto WebGL e ulteriori affinamenti per le prestazioni. Non menzionata, ma attesa è anche la funzionalità Elenco Lettura già promessa diverso tempo fa. Interessante il comportamento con YouTube, con un nuovo player HTML5: tra i cambiamenti principali, la possibilità di vedere i video all'interno della pagina in cui si naviga e il supporto ai sottotitoli.

wp81leak-newyoutubesupport

Il comparto multimediale sarà particolarmente curato, con una riveduta app Fotocamera, dotata di modalità di scatto in sequenza. Per la modifica di audio e video verranno resi disponibili nuovi effetti, incluso lo slow motion, il tutto accelerato in hardware. Si potranno catturare inoltre filmati e/o registrazioni dalle singole apps. Presenti il mirroring su TV dei contenuti visualizzati e il supporto alla modalità PlayTo, già utilizzata da Windows per trasmettere oggetti multimediali alla console Xbox e altro. Curiosa l'attenzione dedicata al 3D stereoscopico. Ben più desiderata e finalmente in arrivo, invece, l'impostazione separata del volume per suoni di sistema e audio in riproduzione. Sul piano della connettività, il Bluetooth 4.0 LE sarà esteso anche ai telefoni non-Lumia, sbloccando così una funzionalità del loro hardware dormiente; Windows Phone 8.1 vedrà inoltre l'introduzione di Wi-Fi Direct, già presente negli altri sistemi, per connessioni tra dispositivi senza un access point intermediario.

wp81leak-newcameraapp

Ci sarebbe tanto altro da scrivere, ma la lista è davvero lunga; abbiamo preferito concentrarci sulle novità principali. Ulteriori dettagli è possibile trovarli su WPCentral, che ha snocciolato un elenco piuttosto completo di quanto emerso. E non abbiamo visto ancora tutto, dal momento che sono assenti dall'immagine dell'SDK sia il centro notifiche, integrato col sopraccitato Action Center, sia il nuovo assistente virtuale "Cortana" sia la tastiera basata su gestures simili a Swype. Era lecito aspettarsi che, prevedendo il leak, Microsoft si fosse tenuta qualcosa per la presentazione pubblica. Non pervenuta pure l'integrazione con Facebook, che appare al momento rimossa. Qui, però, potrebbe essere più dovuto alla natura non da uso quotidiano dell'SDK che un'eliminazione voluta, dal momento che Twitter risulta invece regolarmente integrato.

L'appuntamento è per il 2 aprile alla conferenza BUILD, dove l'azienda del neo-CEO Satya Nadella toglierà tutti i veli alla sua creatura per smartphone e darà la possibilità di provare una Preview in vista del rilascio definitivo nel corso di maggio. Tutti i dispositivi dotati di Windows Phone 8 saranno invitati, ottima notizia che rientra nell'allungato periodo di supporto a 36 mesi e rincuora coloro che temevano la situazione occorsa al passaggio dalla 7.5 alla 8, con la precedente generazione di terminali lasciata all'asciutto, salvo il piccolo "contentino" della 7.8. Per quanto virtualmente, non potendo andare al Moscone Center di San Francisco, noi di SaggiaMente ci saremo e vi riporteremo tutto quanto verrà detto. Rimanete sintonizzati.

Images also from The Verge.