Dopo un'attesa di diversi mesi dalla prima presentazione di Windows 10 Creators Update, Microsoft ha iniziato il roll out pubblico della nuova major release di Windows 10, che segue quella denominata Anniversary Update.

Questa versione include molte migliorie e diverse novità. Proprio come nell'ultimo rilascio di macOS Sierra, è stata implementata una modalità denominata Luce notturna che vira i colori del monitor verso tonalità più calde per affaticare meno la vista nelle ore serali. Il menù Start – rinato con Windows 10 dopo il suo incauto abbandono in Windows 8 – diventa ora più personalizzabile dall'utente, ed affianco alle Tiles viene introdotta la possibilità di implementare le Live Folders, similmente a quanto avviene su Windows 10 Mobile.

Microsoft Edge, il browser che ha soppiantato Internet Explorer, acquista alcune utili funzioni come una barra che mostra l'anteprima di tutte le schede aperte, oltre all'interessante possibilità di salvare le nostre sessioni di navigazione, anche composte da molte schede, così da liberare spazio nella memoria RAM ma mantenendo la possibilità di riprendere la navigazione da dove l'avevamo interrotta, anche diverse ore o giorni dopo. Edge ora di default dice addio ad Adobe Flash, ma vengono migliorate le performance con HTML5 e CSS3, è inoltre l'unico browser web ad implementare il supporto allo streaming 4K di Netflix.

Come già visto in fase di presentazione, Microsoft punta molto sulla nuova versione di Paint, che per l'occasione diventa Paint 3D – rimane comunque presente anche la versione classica. Interessante la possibilità di scansionare in tre dimensioni oggetti reali per poi ricrearne in modo intuitivo una copia digitale. Per fare ciò al momento servono strumenti appositi, come il Kinect di Xbox, ma presto – dice Microsoft – sarà possibile effettuare l'operazione di scansione con uno smartphone.

I gamer non potranno che essere contenti della nuova Modalità gioco che, una volta attivata, impedisce al sistema di rubare preziosi cicli di clock per effettuare operazioni in background, superflue in quel dato momento.

Queste sono alcune delle maggiori novità di Windows 10 Creators Update, ma sotto il cofano si trovano molti altri miglioramenti, sia estetici che funzionali. La nuova versione è già in roll out, ma se non l'avete ricevuta potete forzarne il download dalle impostazioni di aggiornamento.

In ultimo, come segnala The Verge, in questa giornata si conclude il supporto ufficiale di Windows Vista, debuttato otre dieci anni fa e tristemente ricordato come uno dei peggiori sistemi operativi rilasciati da Microsoft. Pace all'anima sua, nessuno ne sentirà la mancanza.