Spectre e Meltdown, le due falle di sicurezza colpiscono tutte le CPU dal 1995

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Massimiliano Zullo, Andrea Ippolito, Stefano Mariani, Claudio Orler, Carlo Rapisarda, Mario Campo, Carlo Scian.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Siamo entrati da pochi giorni nel 2018 e ci portiamo dietro la scia di discussioni circa le prestazioni ridotte sugli iPhone con batterie usurate, ma ecco che una seconda e più importante problematica è già pronta a catturare la scena. Chi pensava che la questione si sarebbe esaurita ieri, rendendo nota la falle nelle CPU e le relative patch, dovrà purtroppo ricredersi e prepararsi ad una coda lunga di approfondimenti, polemiche e soprattutto rischi.

meltdown-spectre-security-flaw

Sono infatti due le vulnerabilità adesso riconosciute, i cui paper sono pubblicati nei rispettivi siti. Meltdown interessa le CPU Intel ma Spectre è di ben più larghe vedute, andando ad intaccare anche i processori AMD ed ARM. Un attacco basato su questi exploit, consentirebbe di accedere ad ogni informazione che transita in un computer, specialmente con Meltdown che non si limita alla memoria del kernel ma si estende a qualsiasi unità fisica nei device. Su WindowsCentral si sottolinea come anche i cloud server sono vulnerabili, rendendo immediatamente chiara la portata del problema. Come riporta ZDNet, le CPU a rischio partono addirittura dal lontano 1995, seppure vi sia qualche piccola esclusione come gli Intel Itanium ed Atom rilasciati prima del 2013. La situazione è ancora in via di chiarimento e si attendono le risposte ufficiali dei big del settore, essenziali per trarre conclusioni e valutare sia i rischi attuali che futuri per ogni dispositivo in nostro possesso.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.