Ecco le CPU Intel di ottava generazione per ultrabook: fino a 19h di autonomia

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Tommaso D'Antuono, Andrea Ortolani, Loris Coiutti, Alex Martelli, Maurizio Chiarotto, Eric Festa, Fabrizio Pinzaglia, Marco Moretti, Simone Pignatti, Nardi Luigi Filippo, Giacomo Tacconi.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Intel ha svelato le attese CPU di ottava generazione destinate a portatili leggeri e 2-in-1. Si tratta di sei modelli in tutto, tre della famiglia U ad alte prestazioni e tre Y con maggiore attenzione ai consumi. In cima si trova l'i7-8565U, dotato di 4 core / 8 thread, 8MB di cache ed una frequenza base di 1,8GHz (che può salire fino a 4,6 in Turbo Boost). Subito sotto si trova l'i5-8265U, che ha un clock leggermente inferiore di 1,6GHz e 6MB di cache ma mantiene la stessa quantità di core e thread. Alla base della gamma U c'è l'i3-8145U, dove la frequenza base sale a 2,1GHz per compensare la riduzione a 2 core / 4 thread. Tutti hanno 15W TDP e possono utilizzare sia memorie LPDDR3 2133MHz che DDR4 2400MHz. Intel punta molto su questa serie, per la quale promette prestazioni nettamente superiori a quella che sostituisce ed alcune novità altrettanto importanti come la Gigabit Wi-Fi, il supporto on-board per assistenti vocali ed una migliore ottimizzazione energetica. A detta del chipmaker di Santa Clara, una portatile basato su queste CPU serie U può raggiungere 16h di autonomia e addirittura 19h su sistemi votati al basso consumo. Ovviamente bisognerà vedere le applicazioni concrete in che direzione andranno prima di poter gioire per questi numeri.

Personalmente nutro qualche scetticismo in merito la strategia adottata da Intel in termini di frequenze. Vedo ad esempio l'i7-8565U che va da 1,8 a 4,6GHz e mi sembra uno scarto di accelerazione davvero esagerato da sopportare nel case di un ultra portatile. Abbiamo visto come è andata a finire con il MacBook Pro 2018 (recensione) e qui le condizioni sono ancora più esasperate. Queste CPU sarebbero comunque ottime candidate per l'eventuale refresh del MacBook Air di cui si parla già da qualche tempo e che i rumor hanno ripreso insistentemente nelle ultime settimane.

macbook12-pro13-air13

Scendendo di fascia entriamo nel regno dei 2-in-1 o dei sistemi a bassissimo consumo come il MacBook. Qui troviamo tre nuove proposte della serie Y, tutte con 5W TDP, 2 core e 4 thread, 4MB di cache e memorie LPDDR3 1866 MHz. C'è sicuramente meno attenzione su questo segmento ma Intel ha comunque dotato queste CPU dei medesimi punti di forza della serie U, tra cui la più veloce connessione Wi-Fi. Partendo dall'alto troviamo l'i7-8500Y da 1,5GHz (Turbo 4.2), i5-8200Y da 1,3GHz (Turbo 3,9), m3-8100Y da 1,1GHz (Turbo 3,4).

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.