Arriva Lumix Webcam per usare le fotocamere Panasonic su Windows e macOS

Panasonic ha appena rilasciato Lumix Webcam e la cosa potrebbe suonarvi come un deja-vu. In effetti l'azienda si era già mossa in tal senso a giugno con il software LUMIX Theter for Streaming, il quale però non raggiungeva la stessa facilità e comodità di quello di alcuni competitor. In effetti non faceva altro che togliere dal feed di acquisizione le informazioni di scatto, così da avere un'immagine pulita, però non dialogava direttamente con il sistema operativo fornendo il video da acquisire in realtime o da usare nelle videochat. La soluzione arriva oggi con Lumix Webcam, ancora in beta ma fortunatamente già pronto sia per Windows che macOS.

Le specifiche minime richieste per il computer sono basse e non creeranno problemi a nessuno, mentre dispiace che la lista di compatibilità sia così ristretta. In pratica solo le top di gamma Micro Quattro Terzi della linea G e poi tutta la linea S full-frame, quindi: GH5/s, G9, S1S1H, S1R, S5. Sul sito internazionale c'è una pagina con le specifiche, mentre il download si effettua da un'altra pagina. Su macOS l'installazione è facile ma richiede il riavvio, al seguito del quale la fotocamera si potrà collegare al computer via USB e sarà immediatamente riconosciuta a livello di sistema, quindi anche all'interno di QuickTime e di tutte le app per video conferenza. E il feed funziona molto bene, è fluido e molto stabile, per certi versi superiore a tutti gli altri che ho provato finora. Vi lascio anche un video che spiega il semplice processo di installazione.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.