Intel presenta le varianti più potenti delle CPU per portatili Tiger Lake

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Paola Bellini, Alessandro Tognoni.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Mentre le strade dei Mac e dei processori Intel si fanno sempre più distanti ad ogni nuovo rilascio di Apple, in quel di Santa Clara prosegue l'introduzione dei modelli che compongono la serie per laptop Tiger Lake. Le prime configurazioni nelle fasce a bassi consumi sono arrivate lo scorso settembre, mentre al CES 2021 di gennaio abbiamo visto una parte di quelle appartenenti alla serie H, dotate di un TDP (Thermal Design Power) fino a 35 W. Nelle scorse ore sono state presentate le proposte più potenti, sempre della serie H, che andranno a completare la gamma.

Sviluppati sulla base del processo produttivo a 10nm denominato SuperFin, i processori della serie Tiger Lake H portano in dote il supporto DDR4 a 3200 MHz (64 GB massimi), oltre a connessioni Thunderbolt 4 / USB4 e 20 linee PCIe Gen4. La parte del leone viene fatta però dalle nuove soluzioni grafiche integrate Xe LP, più potente delle precedenti Iris/UHD Graphics e con numerose ottimizzazioni. Tutti i modelli descritti dispongono di 32 unità d'esecuzione per le GPU, l'HyperThreading sul fronte CPU e un TDP tra i 35 e i 45 W che nelle situazioni più intensive può arrivare fino a 65.

Intel ha suddiviso i lotti di processori in due categorie: quelli consumer, che si vedranno su portatili di fascia media/alta e gaming; quelli commercial, che avranno uso in laptop per il mondo aziendale e workstation mobili. Iniziamo dai primi, che avranno senz'altro la maggiore diffusione sul mercato. Troviamo i9 e i7 a 8 core e 16 thread, che scendono a 6 e 12 per gli i5; tra le due fasce cambia anche la cache L3, 24 MB per i9/i7 e 12 MB per i5. Le frequenze base si riferiscono allo stato operativo a 35 W, fatta eccezione per il modello di punta i9-11980HK che parte direttamente da 45 W e presenta inoltre un moltiplicatore sbloccato per l'overclock. Le frequenze Turbo si riferiscono invece al massimo raggiungibile su due core.

Modello Core/thread/unità GPU Clock base/Turbo/GPU
i9-11980HK 8/16/32 2,6/5/1,45 GHz
i9-11900H 8/16/32 2,1/4,9/1,45 GHz
i7-11800H 8/16/32 1,9/4,6/1,45 GHz
i5-11400H 6/12/32 2,2/4,5/1,45 GHz
i5-11260H 6/12/32 2,1/4,4/1,4 GHz

Si passa ai modelli commercial, che si distinguono per la presenza del set di funzionalità vPro dedicate alla gestione da parte dei reparti IT, supporto alle memorie ECC con correzione dell'errore e strumenti aggiuntivi di sicurezza, inclusi accorgimenti contro il mining di criptovalute che potrebbero essere effettuati da malware all'insaputa dell'utente. Ci sono anche due "imbucati", nel senso che non sono CPU Core ma Xeon, identificate dalla W iniziale. Anche qui per core e cache valgono le stesse distinzioni dei modelli consumer, fatta eccezione per il W-11855H che nonostante per numero di nuclei sia imparentato con gli i5 ha una cache L3 di 18 MB invece che 12.

Modello Core/thread/unità GPU Clock base/Turbo/GPU
W-11955M 8/16/32 2,1/5/1,45 GHz
i9-11950H 8/16/32 2,1/5/1,45 GHz
i7-11850H 8/16/32 2,1/4,8/1,45 GHz
W-11855H 6/12/32 2,6/4,8/1,45 GHz
i5-11500H 6/12/32 2,4/4,6/1,45 GHz
Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.