Arriva Firefox 3.6.4 e sfida tutti sul fronte della sicurezza e stabilità

Ormai da tempo ogni nuova versione di un browser, viene accompagnata dai test di velocità. Safari è più veloce? No aspetta ora Chrome lo supera... un attimo è uscito anche Opera con una nuova release che spazza via tutti i record! Ah, no, ancora una release e Chrome ritorna primo... di storie così in questi ultimi periodi ne abbiamo sentite molte.

Firefox sul fronte velocità, inutile negarlo, era rimasto un po' indietro. D'altronde la gara al centesimo di secondo in meno su pagine con javascript piuttosto complessi, è apprezzabile solo da chi usa servizi web piuttosto avanzati e non dalla classica navigazione.

Ieri sera è stato rilasciato Firefox 3.6.4 e, questa volta, punta tutto sulla sicurezza. Non solo chiude repentinamente una serie di problemi di sicurezza riscontrati recentemente, ma introduce (per il momento solo su Windows e Linux) una nuova gestione dei plugin che, in caso di crash, non manda in stallo l'intero sistema.

Ipotizzando di vedere un video su YouTube, in caso di crash di Adobe Flash Player (purtroppo molto frequente... anche su Windows e Linux a quanto pare), accade questo:

crash flash

...e basta effettuare un refresh di pagina per riattivare il plugin e ritentare la visione.

Ovviamente il sistema funziona con tutti i plugin, quindi anche Silverlight, Quicktime, etc..

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.