Ancora guai per Qualcomm: Samsung, Intel, Amazon e Google si schierano dalla parte di Apple

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Massimo Bau, Lorenzo Amato.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

All'inizio del mese Qualcomm ha chiesto all'International Trade Commission americana di bloccare le importazioni degli iPhone con modem Intel. Secondo l'istante, infatti, i telefonini di Cupertino violerebbero alcuni suoi brevetti e, quindi, non dovrebbero più essere commercializzati se non a fronte del pagamento delle giuste royalties. Ovviamente, il blocco potrebbe essere concesso prima dell'istruttoria vera e propria e diventare definitivo al termine di essa.

A quanto pare, però, Apple non è sola nella sua battaglia contro Qualcomm: un folto gruppo di aziende operanti nel settore della tecnologia e dell'intrattenimento, fra le quali Google, Samsung, Intel, Facebook, Uber, Microsoft, Amazon e Netflix, hanno comunicato all'ITC che i consumatori sarebbero le vere vittime del provvedimento. Infatti, non solo si creerebbe una forte indisponibilità di iPhone sul mercato (con conseguente crescita dei prezzi di quelli con modem Qualcomm), ma si costituirebbe di fatto un monopolio della società di San Diego sui chip per le telecomunicazioni mobili.

Nonostante Tim Cook e il CEO di Qualcomm abbiano più volte dichiarato di non gradire gli scontri giudiziari e di preferire le vie delle trattative bonarie, la lotta fra le due società procede senza esclusione di colpi.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.