Qualcomm multata dalla Commissione Europea per abuso di posizione dominante in danno di Apple

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Guido Lanzafame, Daniele Mora.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Qualche ora fa la Commissione Europea ha multato Qualcomm di 997 milioni di euro (circa 1.2 miliardi di dollari) per gli accordi presi con Apple per la fornitura dei chip per le radiocomunicazioni. Come è noto alle cronache dalla vicenda che vede contrapposte le due società (e che nulla ha a che fare con questa multa), Qualcomm, approfittando della sua posizione dominante sul mercato, aveva imposto a Cupertino di rifornirsi solo da lei, prevedendo pesanti penali contrattuali in caso contrario. D'altro canto, però, il colosso dei chip ha restituito ad Apple, per circa cinque anni, parte dei guadagni a titolo di rimborso.

Tale comportamento è subito balzato ai vigili occhi della Commissione che, quindi, ha irrogato la pesante sanzione, pari a un decimo del fatturato societario del 2017, per le pratiche commerciali scorrette attuate. Infatti, pur prevedendo il riconoscimento di revenue ad Apple, Qualcomm ha di fatto formulato le clausole unilateralmente, conscia della propria forza contrattuale. Ad ogni modo, non ci saranno ripercussioni per l'azienda guidata da Cook e soci, o, almeno, non è noto se l'ente europeo si stia muovendo in tal senso. Le motivazioni alla base della decisione saranno rese pubbliche nei prossimi giorni con il rilascio di un PDF di "appena" 130 pagine. Ovviamente, Qualcomm potrà impugnare il provvedimento proponendo riscorso alla Corte di Giustizia, magari sperando in una riduzione della multa comminatale. Nel caso, vi aggiorneremo.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.