Arrivano il case trasparente Apple per iPhone XR e l'alimentatore da 18 W in vendita libera

Le prime tracce si erano già viste quasi due mesi fa. È passato un po' di tempo, ma ora il case trasparente Apple per iPhone XR è ufficiale. Nelle intenzioni dell'azienda, la cover valorizza il design del terminale permettendo agli utenti di sfoggiarlo nella tonalità prescelta senza coprirla con protezioni impattanti. Come tutte le custodie realizzate da Apple, la parte inferiore non è protetta se non ai lati. È una soluzione poco ben vista da molti, ma preferita da numerosi altri perché permette di eseguire le gesture dal basso senza incontrare bordi che risultano fastidiosi al polpastrello.

 

Ci si aspettava un prezzo piuttosto consistente, già dalle premesse del primo annuncio Apple, e così è: la custodia sullo Store italiano costa 45 €. Cosa che, mi sento di osservare, non aiuta molto quando l'iPhone XR in sé continua ad essere sotto tiro per un presunto basso appeal nelle vendite. Ad ogni modo, per quanto piuttosto costosa è una proposta che avrà senz'altro i suoi estimatori visto che preserva gran parte dell'estetica "nuda" ed è realizzata dalla medesima azienda del dispositivo.

Non è però l'unico prodotto ad essere arrivato oggi tra gli accessori. È stato reso disponibile anche l'alimentatore da 18 W che sinora era in bundle solo con gli iPad Pro del 2018. Oltre ai modelli attuali di questi e alle sue precedenti generazioni, permette la ricarica rapida di iPhone XS, XS Max, XR, 8 e 8 Plus. Anche in questo caso il prezzo è piuttosto elevato, 35 €, a cui si deve peraltro aggiungere il costo del cavo Lightning-USB-C, altri 25 € per la versione da 1 metro.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.