Le registrazioni delle richieste a Siri non potranno più essere ascoltate da soggetti terzi

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Daniele Mora, Luigi Carlo Vasi.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Dopo la scoperta dell'esistenza di centinaia di soggetti esterni ad Apple che ascoltavano le registrazioni delle richieste rivolte a Siri per confrontarle con quanto compreso dall'assistente vocale, Apple è corsa ai ripari interrompendo il programma. Infatti, detti soggetti erano messi a conoscenza dei dati particolari (come le informazioni sullo stato di salute o sull'orientamento sessuale) e dei dati giudiziari, ossia quelli relativi alle vicissitudini penali, degli utenti dei dispositivi della mela morsicata. Oggi è emersa la notizia del termine del programma stesso: secondo il The Guardian, via Engadget, Cupertino ha cessato i contratti con i propri collaboratori che, per giunta, hanno ricevuto un preavviso di una sola settimana.

Apple fa sapere che con un prossimo aggiornamento di iOS gli utenti potranno scegliere se permettere l'ascolto delle richieste vocali a Siri per il miglioramento della sua IA, opzione che sarà disattivata di default: l'azienda, quindi, adotta un principio caro all'ordinamento europeo, ossia quello del consenso al trattamento dei propri dati. Qualora un utente scelga di consentire l'ascolto delle proprie registrazioni, queste potranno essere analizzate solo dai dipendenti di Cupertino, che dichiara che conserverà più le registrazioni vocali, limitandosi ad archiviare solo le loro trascrizioni, realizzate solo da computer.

Dunque, Apple è la prima azienda a trovare una soluzione al problema dell'ascolto dei comandi vocali al proprio assistente: chissà se Google, Amazon, Facebook e Microsoft la seguiranno su questa scia.

Elio Franco

Editor - Sono un avvocato esperto in diritto delle nuove tecnologie, codice dell'amministrazione digitale, privacy e sicurezza informatica. Mi piace esplorare i nuovi rami del diritto che nascono in seguito all'evoluzione tecnologica. Patito di videogiochi, ne ho una pila ancora da finire per mancanza di tempo.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.