I primi giorni dei Mac dotati di M1 sono stati costellati da continui rilasci di aggiornamenti. Non facevi in tempo a mettere un software basato su Intel che poco dopo usciva quello nativo. È stato così per alcune settimane, poi il ritmo è calato e le novità sono state più rarefatte nei successivi mesi. Chi aveva collaborato con Apple dietro le quinte ha già fatto uscire quel che doveva e i software snelli sono stati convertiti in fretta, per quelli più grossi e professionali ci vorrà tempo. Per fortuna c'è Rosetta 2 che ci mette una pezza, facendo girare molto bene tanti di quelli scritti per l'architettura precedente, ma capita ancora di trovarne che non funzionano poi così bene ed alcuni che non si avviano affatto.

Complessivamente vale quanto vi ho detto fin dai primi giorni: se il software che usate è nativo per Apple Silicon gli attuali computer sono eccellenti. Vanno ben oltre le capacità di quelli che hanno sostituito. In caso contrario è sicuramente meglio aspettare tempi migliori.

Oggi un tassello importante si va ad aggiungere nella colonnina dei "convertiti" ed è Homebrew. Il famoso gestore di pacchetti per macOS arriva alla versione 3.0 e la più importante novità rispetto la 2.7.0 è il supporto ufficiale per Apple Silicon. La riga di codice per installarlo la trovate sempre sulla homepage del progetto.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione, seguimi su Instagram

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.