Apple rinvia a giugno il lancio dei podcast a pagamento

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Antonio Fedele Martina, Emanuele Beffa.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

In apertura dell'evento del 20 aprile, Apple ha presentato parecchie novità per la piattaforma Podcasts, tra cui l'arrivo di contenuti a pagamento. Il lancio era previsto proprio per questo mese, facendo seguito al redesign dell'app implementato con iOS 14.5. Un aggiornamento che però è stato tutt'altro che apprezzato dagli utenti, dal momento che ha modificato in negativo vari aspetti dell'esperienza d'uso, tra cui la sincronizzazione su più dispositivi e la gestione della libreria di podcast. Le critiche sono state così forti da indurre Apple a rimettere nuovamente mano all'applicazione in iOS 14.6, ponendo parziale rimedio. I lavori non sono però ancora conclusi, motivo per cui, come riporta MacRumors, da Cupertino è arrivato il rinvio del debutto per i podcast a pagamento.

Nel comunicato inviato ai curatori di podcast sulla piattaforma, Apple conferma che nelle ultime settimane ci sono stati molti interventi dietro le quinte, che hanno pure comportato ritardi nella pubblicazione di nuovi episodi caricati. Gli abbonamenti a pagamento potranno essere abilitati nel corso di giugno e seguiranno ulteriori comunicati a riguardo. Nel frattempo, continuerà l'implementazione di migliorie alla libreria nell'app, che a questo punto si vedranno in iOS 14.7, attualmente in fase Beta, o in un intermedio 14.6.1 qualora i piani di sviluppo per il prossimo rilascio semi-major siano di più lungo termine. Non è da escludere che altre modifiche più corpose arriveranno con iOS 15, che salvo sorprese inizieremo a conoscere tra poco più di una settimana alla WWDC 2021.

Giovanni "il Razziatore"

Deputy - Ho a che fare con i computer da quando avevo 7 anni. Uso quotidianamente OS X dal 2011, ma non ho abbandonato Windows. Su mobile Android come principale e iOS su iPad. Scrivo su quasi tutto ciò che riguarda la tecnologia.

Commenti controllati Oltre a richiedere rispetto ed educazione, vi ricordiamo che tutti i commenti con un link entrano in coda di moderazione e possono passare diverse ore prima che un admin li attivi. Anche i punti senza uno spazio dopo possono essere considerati link causando lo stesso problema.