Prepariamoci ad un ulteriore aumento di prezzo con gli iPhone 15

Leggi questo articolo grazie alle donazioni di Danilo Ronchi, Massimiliano Zullo.
♥ Partecipa anche tu alle donazioni: sostieni SaggiaMente, sostieni le tue passioni!

Gli iPhone 14 e 14 Pro sono aumentati di prezzo in Europa, ma non negli Stati Uniti. Il nuovo SoC Apple A16 è costato di più ad Apple ma, a quanto pare, l'azienda ha deciso di assorbire l'aumento e di compensare un po' riutilizzando l'A15 sui base gamma. Il fatto è che in Italia, dopo la conversione in Euro, hanno applicato non solo la naturale IVA, ma anche un aggiuntivo 8% circa (tra Equo Compenso ed altro) che si fa sentire. Soprattutto insieme ad un'inflazione galoppante.

Lo scenario potrebbe facilmente peggiorare l'anno prossimo con l'A17, perché il passaggio al processo produttivo N3E di TSMC dovrebbe costare ad Apple un 6% in più. All'inizio l'azienda si era opposta a questa richiesta del produttore, ma sarà facilmente costretta ed accettare anche l'aumento del wafer da 3nm.

Quasi certamente gli iPhone 15 manterranno la distinzione degli attuali 14 tra linea base e linea Pro, dove solo gli ultimi otterranno il nuovo SoC A17. E secondo gli analisti questa volta Apple non avrà molta scelta se non rigirare l'aumento ai consumatori. Chiaramente il 6% in è riferito al solo A17 e non a tutto lo smartphone, ma se aumenterà già il prezzo in dollari e si manterrà l'attuale conversione, gli iPhone 15 arriveranno a vette ancor più proibitive in Europa e per noi italiani.

Maurizio Natali

Titolare e caporedattore di SaggiaMente, è "in rete" da quando ancora non c'era, con un BBS nell'era dei dinosauri informatici. Nel 2009 ha creato questo sito nel tempo libero, ma ora richiede più tempo di quanto ne abbia da offrire. Profondo sostenitore delle giornate di 36 ore, influencer di sé stesso e guru nella pausa pranzo, da anni si abbronza solo con la luce del monitor. Fotografo e videografo per lavoro e passione.